L'Esperto Risponde

Quesiti e risposte

ID Quesito:
 1111
Domanda: Buon giorno. . Il mio quesito riguarda la data di scadenza del prodotto. . . Volevo sapere se una volta che è stato aperto e utilizzato è conservato correttamente è possibile ancora possibile riutilizzarlo anche a distanza di un anno o due, o è deteriorato. . . Ho bisogno di fare una cura e già sono in possesso del prodotto che però avevo già utilizzato un anno e mezzo fa circa. . Grazie
Risposta: (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1112
Domanda: Buon giorno volevo sapere se una volta aperto il prodotto vulvovagil spray può essere riutilizzato anche dopo un anno e mezzo. . Premetto che è stato conservato correttamente. . Grazie
Risposta: Gentile utente, controlli la data riportata sul flacone, espressa in mese anno che accompagna il simbolo della clessidra. Se la data odierna precede la data riportata può utilizzare il prodotto, sempre che sia stato conservato correttamente. Cari saluti, dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1113
Domanda: Buongiorno - mi è stato diagnosticata reinsorgenza BXO nonostante intervento di circoncisione 5 anni fa. Area interessata: macchia biancastra su regione anteriore del glande e stenosi meatale. Unica sintomatologia: prurito. Da circa un mese ho usato pomate steroidee ma senza apprezzabile giovamento. Ho letto con interesse risultati positivi da applicazione di Ozoile, ma (se possibile) vorrei avere più dettagli sui seguenti punti:
I) quale prodotto I acquistare
II) applicazioni giornaliere (massime consigliate)
III) durata trattamento (massima consigliata)
IV) dove comprare vostri prodotti e se possibile acquisto on-line con consegna estera
Risposta: Gentile utente,
Il prodotto specifico per la bxo è Banival. Ozoile contenuto in Banival non è un farmaco, ma un pool di molecole polifunzionali che agisce come un induttore biologico andando ad attivare i processi di riparazione. Per questo numero di applicazioni e periodo possono variare senza generare effetti collaterali nelle normali condizioni d'uso. Le consiglio due applicazioni al giorno in fase acuta per 10 15 giorni, poi di passare ad una applicazione al giorno e a giorni alterni come mantenimento. Il prodotto va spalmato come un velo sulla zona interessata estendendosi anche alla regione circostante. Il prodotto può essere acquistato online, ma siamo presenti in diverse nazioni estere pertanto se mi dà indicazioni sul luogo di consegna, cercherò di esserle utile con indicazioni più dettagliate. Può scrivere anche direttamente al mio indirizzo mail che trova sul sito (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1114
Domanda: Buongiorno, volevo sapere se in caso avessi dimenticato OTORIG in freezer posso considerarlo ancora valido una volta scongelato.
Lo avevo messo un secondo per farlo raffrescare, in quanto mi risulta più facile sentire le gocce che scorrono nel condotto uditivo, ma poi me lo sono dimenticato e ovviamente l'ho trovato congelato. Mi chiedevo se può' aver annullato l'azione dell'ozono se non addirittura aver deteriorato il prodotto.
Risposta: Gentile Utente, garantiamo l'efficacia del prodotto nelle normali condizioni d'uso che non prevedono la conservazione in frigo. Se non è stato in frigo per molto tempo, tipo diversi giorni, ma alcune ore, il prodotto non dovrebbe aver perso la sua efficacia.
Cari saluti, dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1115
Domanda: Buona sera dottssa, circa due mesi fà sono stato affetto da balanopostite irritativa puntini rossi e bruciore.
Ho usato canesten, cortisone, antimicotici vari.
Tampone negativo.
Grazie al vostro sito ho conosciuto il prodotto banival e idrozoil, ho fatto la cura per 10 giorni tutto sembrava passato.
Da circa un mese si è ripresentato il problema, rossore e bruciore diffuso al balano e un piccolo vaso linfatico che mi fà male.
Ho rifatto la cura mà il banival non da gli stessi risultati.
Cosa mi consiglia.
Grazie
Risposta: Buongiorno, Banival contiene Ozoile, un induttore biologico che agisce sull'infiammazione e contro le infezioni e attiva i processi di riparazione in maniera funzionale al danno, per questo i tempi di risposta posso variare. Continui ad utilizzare il prodotto, un velo sull'area interessata due volte al giorno per 7 10giorni, Ozoile non essendo un farmaco non dà problemi di sovradosaggio, né effetti collaterali nelle normali condizioni d'uso. In ogni caso le consiglio di indagare sulla causa della natura irritativa, altrimenti il fenomeno potrebbe continuare a verificarsi. A disposizione per ulteriori informazioni, porgo cari saluti
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1116
Domanda: Gentile dott. ssa,
ho deciso di acquistare i prodotti rigenoma spray e rigenoma crema da applicare alle labbra, a causa di un'incessante cheilite esfoliativa che mi perseguita da quasi due anni.
Ho letto entrambi i foglietti illustrativi che consigliano di applicare i prodotti una volta al mattino e un'altra la sera.
Se volessi usare simultaneamente i due prodotti per avere un maggiore effetto benefico, in che ordine dovrei usarli? La ringrazio in anticipo
Risposta: Gentile Utente, le consiglio di applicare prima l'olio, lasciarlo assorbire e poi la crema. A disposizione per qualsiasi altra informazione, porgo cordiali saluti

Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1117
Domanda: Buongiorno, ho letto degli studi sul primo fiore ozonizzato sui danni solari, ma non riesco a individuare il prodotto che lo contiene.
Grazie per la risposta
Cordialmente
Ermes Franceschini
Risposta: Buonasera, il Primo Fiore è l'olio di oliva Biologico, altamente cosmetico che sottoposto ad ozonizzazione porta alla formazione di Ozoile, brevetto Erbagil. Il prodotto indicato peri danni da radiazione solare è Rigenoma crema. (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1118
Domanda: Salve dottoressa, da anni soffro di arrossamenti e irritazione al prepuzio e glande, dai tamponi non risultano candidosi ma semplicemente un epidermide ormai molto delicata ed incline all'arrossamento.
Viste le buone recensioni ho acquistato Rigenoma Crema ma quando la applico mi da prurito e non vedo effetti lenitivi. Consigli?

cordiali saluti
Risposta: Gentile utente, il prodotto indicato per la sua problematica è Banival che oltre ad Ozoile contiene Cera alba ad effetto cerotto che crea una barriera meccanica naturale e potenzia l'azione idratante sulla parte consentendo un lento rilascio degli attivi. In ogni caso il prurito percepito dovrebbe manifestarsi solo alle prime applicazioni perché evidentemente la cute è microlesa e presenta uno squilibrio della carica microbica su cui i Bioperossidi di Ozoile vanno ad agire. Mi faccia sapere, resto a disposizione
Cari saluti
Dr. ssa Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1119
Domanda: Salve, la ginecologa mi ha prescritto vulvovagi spry per dieci giorni da applicare mattina e sera unito al vostro detergente idrozoil per trattare un mycoplasma vaginale. Non ha voluto prescrivermi antibantibiotici. Questa terapia può essere sufficiente per risolvere il problema? Il partner deve essere trattato? Grazie
Risposta: Gentile Utente,
Vulvovagi contiene Ozoile, un Induttore Biologico che ha una potente azione microbicida e non dà problemi di resistenza. Segua la terapia che le è stata prescritta. La informo inoltre che non contenendo farmaci Vulvovagi spray non ha problemi di sovradosaggio e può essere utilizzato per lunghi periodi pertanto una volta finita la terapia d'urto può procedere ad applicare lo spray come mantenimento una volta al giorno per altri 5 giorni e poi a giorni alterni oppure uno spruzzo dopo i rapporti sessuali come prevenzione. Per il suo partner le posso consigliare Banival che contiene lo stesso principio Ozoile, ma considerando la parte su cui deve essere applicata è formulato in forma di crema e grazie alla presenza della cera alba ha un effetto cerotto che garantisce una lunga permanenza. A disposizione per ulteriori informazioni, saluto cordialmente.
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1120
Domanda: Buongiorno . . . le scrivo per avere un consiglio su come dover scegliere le calzature . Da diversi anni (attualmente ho 53 anni compiuti) a tutte due le ginocchia soffro di artrosi femoro rotulea da non ancora al momento gestire con operazione chirurgica ma da trattare con cicli trimestrali con pausa di un mese con FLEXART una bustina al giorno in quanto tale artrosi non e' ancora dolorosa ne bloccante , in piu' sul ginocchio DX ho una foratura della cartaligine che sto' curando con dei cicli semestrali di due infiltrazioni SINOVIAL FORTE . Chiedo consiglio perche' ho notato che per questa sintomantologia (credo) la mia postura nella camminata e' cambiata provocandomi anche spesso dei fastidi alle anche e sopratutto sulle scarpe si nota una maggiore e rapida usura sulla parte sotto il tacco internamente .
Grazie
Risposta: Gentile Stefano, io le consiglierei di fare una visita baro podometrica, con questo tipo di visita è possibile capire se il suo appoggio è scorretto. A mio avviso è proprio l'appoggio scorretto che ha causato la condropatia femoro rotulea. Prenoti la visita e poi mi aggiorni su cosa le hanno detto. Saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 1121
Domanda: Buongiorno Dottore,
in seguito a dolore non ben localizzato sul ginocchio sinistro ho effettuato una RM di cui riporto quanto scritto nel referto:
Non si evidenziano significative alterazioni meniscali. Sostanzialmente nei limiti i legamenti crociati, i collaterali ed il rotuleo. Modicamente assottigliata la cartilagine articolare femoro-rotulea senza tuttavia aspetti di sofferenza dell'osso subcondrale. Non alterazioni focali del segnale osseo. Non significativo versamento articolare nè distensioni bursali .
Sinceramente non riesco a capire quanto grave sia la mia situazione. . . mi è stato consigliato di potenziare il quadricipite e di effettuare 2 infiltrazioni di acido ialuronico. Ma mi domandavo se le infiltrazioni di ialuronico fossero veramente indispensabili. Inoltre lei ritiene che l'applicazione del dolaren potrebbe essere utile al mio caso?
Grazie,
Cordiali Saluti.
Risposta: Gentile Roberta, dal referto non si evidenziano lesioni a carico dell'articolazione del ginocchio. La mia idea e che si tratti di un infiammazione di qualche tendine ad es della zampa d'oca o della bandelletta ileo tibiale. Cerchi di spiegarmi meglio il dolore quando è presente e se il suo appoggio è corretto, questo lo può facilmente vetificare controllando il tacco delle calzature che indossa. Saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 1122
Domanda: Buonasera,
mi sto sottoponendo a radioterapia (combinata con capecitabina . . .
) a scopo eradicazione totale ca squamocellulare. Dopo 3 settimane di trattamento, incominciano i problemi. legati alla zona pelvica. Mi sono stati proposti detergenti e lenitivi locali dal Personale Oncologico (ASST Bergamo Ovest) ma, avendo in passato utilizzato Procten e Vulvovagil vorrei essere rassicurata sull'uso di questi ultimi, peraltro sconosciuti dai Medici con cui ho parlato. Confido in un Suo parere per affrontare le ultime 3 settimane di terapia.
Grazie e Buona serata,
Mariagrazia
Risposta: Gentilissima Mariagrazia,
studi clinici sui prodotti Procten e Vulvovagi in pazienti sottoposti a radioterapia hanno dimostrato ottimi risultati. I prodotti sono ottimamente tollerati da tutti i pazienti trattati. Procten e Vulvovagi migliorano la tolleranza alla radioterapia evitando il ricorso a farmaci antinfiammatori intestinali, inoltre contribuiscono a far portare a termine il ciclo di radioterapia nel timing previsto.
In combinazione può utilizzare il nostro detergente a risciacquo IDROZOIL. Oltre ad essere delicato, all'interno del formulato, come in tutti i nostri prodotti, contiene Ozoile, pool di molecole polifunzionale ad azione antinfiammatoria e rigenerante dei tessuti oltre ad una potente azione battericida.
Spero di esserLe stata utile. Resto a disposizione per qualsiasi altra informazione.
Cordiali saluti (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1123
Domanda: Buongiorno dottore Castelli sono Anna da SAlerno . ho 56 anni . le volevo chiedere un parere prima che torni il dottore da Roma che mi ha operato di alluce valgo piede sinistro . intervento in clinica è andato bene. , ho fatto intevento 8 marzo . il destro anno scorso ancora meglio . il piede sinistro alluce valgo da molti anni . la prime radiografia di controllo e stata positiva ma si sottolineava segni di artrosi metatarso falangea del primo raggio osseo . ora ultima mi dice lieve rarefazione strutturale della spongiosa . so che è artrosi dell'alluce ma è come se fosse venuta fuori dopo intervento! ! ! in pratica alluce posso muoverlo ma è leggermente piegato e questo mi causa fastidio a tutto il piede. . cosa è successo . la prego mi risponda cosa devo fare . . con il plantare risolvo? ? e come si puo curare la ringrazio di cuore! sono molto preoccupata . il destro è andato benissimo. . il sinistro mi ha sempre causato problemi! ! !
Risposta: Gentile sig Anna, ma lei una rx del piede sx fatta prima dell'intervento non l'ha? Se, come da routine, ha un esame radiografico o una risonanza, mi posti il referto e vediamo se il radiologo mette in evidenza questa osteoporosi. Saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 1124
Domanda: Buongiorno dottore. Sono stato ricoverato 10 GG in ospedale x un dolore al calcagno che mi tormenta ormai da cinque mesi. Ho fatto cure fai da me cioè cortisone, voltaren, muscoril, feldene, toradol ma niente di tt ciò. Ho fatto RM e ho un edema intraspongioso che si interseca nella parte esterna del calcagno. E mi prende tutta la gamba. Dato che faccio il cuoco e sto circa 10 ore in piedi sullo stesso posto adesso e' arrivata l'ora di fermarmi una ventina di GG. In ospedale mi hanno fatto cortisone SOLDESAM da 4 mg più antidolorifici. A casa mi hanno prescritto Clody da 200 mg. La mia domanda dottore e' quante ne devo fare a settimana e se l'edema secondo lei con Clody andrà via xche sta ormai diventando un incubo. Cioè nessuno mi crede che ho dolori atroci da nn riuscire a caricare il piede.
Grazie dottore
Risposta: (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 1125
Domanda: Buoansera Dott. Castelli
Mi chiamo Vincenzo, ho 50 anni sono alto 1, 70 e peso 77 kg, sono un amante della corsa. Corro da sempre. Nel mese di settembre 2017 nel preparami ad una corsa penso di aver esagerato correndo troppo, dopo l'ennesima corsa da 25 km torno a casa sono molto contento del miei tempi solo che. . dopo qualche ora esco di casa e facendo le scale non riesco piu a salirle, risultato il ginocchio sinistro (il sotto ginocchio perdoni i termini impropri) mi fa male e addirittura zoppico. Tutto torna normale quando cammino pero' sento il ginocchio e mi faceva male quando salivo o scendevo le scale. Sono rimasto a riposo fino ad oggi Aprile 2018. Adesso sento ancora il ginocchio, salgo e scendo le scale e corricchio ma sembra che non sia toonato tutto come prima. La risonaza magnetica dice:
Studio RM eseguito in condizioni basali con sequenze multiplanari variamente pesate.
Nei limiti di norma spessore e conformazione delle fibrocartilagini meniscali, indenni da fratture.
Conservato l'apparato legamentoso dei crociati e dei collaterali.
Nella norma i rapporti articolari femoro-tibiale e femoro-rotulei, in assenza di lesioni osteocondrali.
Minimo versamento articolare.
Non patologiche alterazioni di segnale della spongiosa ossea scheletrica.
Discreto ispessimento fibrotico ed iperostosico dell'aponeurosi pre-rotulea; tenue iperintensità di segnale all'inserzione
craniale del tendine rotuleo su base entesopatica.
Vorrei sapere se qualche tutore potrebbe aiutarmi a correre (vedi cinturino sottorotuleo oppure ginocchiera)
oppure devo ancora attendere mesi prima di tornare ad allenarmi o con qualche terapia posso riprendermi piu' in fretta (sono già passati 6 mesi! )
La ringrazio in anticipo per la risposta.
Vincenzo Manzo
Risposta: (Dr. Roberto De Castelli)

Formula un quesito



Impossibile visualizzare il form per inviare messaggi dal sito web poiché si è scelto di disattivare il Cookie Google reCAPTCHA.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie dalla quale è possibile attivare/disattivare ogni singolo cookie.

News
Distributori
Certificazioni
L'Esperto Risponde
Brevetti
Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico chirurgici, si avvisa l'utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.