L'Esperto Risponde

Quesiti e risposte

ID Quesito:
 991
Domanda: Risposta a quesito ID 990

Grazie D. ssa Benevento per la sua pronta risposta. Ho voluto confermare la validità del VulvoVagi perché in alcune situazioni analoghe in cui le chiedevano soluzioni per condilomi, a nessuno ha proposto VulvoVagi ma altre terapie (non prodotti erbagil) probabilmente più indicate per i condilomi. Quindi, molto chiaro il fatto che devo utilizzare VulvoVagi 2 volte al giorno x 7 giorni, poi interrompere per 15 giorni e riprendere per un altro ciclo di 7 giorni. Nel frattempo però, in concomitanza con VulvoVagi, posso usare Procten, oppure è sconsigliato utilizzare i due prodotti contemporaneamente? Grazie per la sua risposta. Simone.
Risposta: Gentile Simone, la ricerca dei campi di applicazione e delle patologie per le quali può essere consigliato un prodotto va sempre avanti ed ora abbiamo a disposizione diversi casi di condiloma trattati con successo con Vulvovagi. I due prodotti, Procten e Vulvovagi possono essere anche usati contemporaneamente, non c'è alcun problema.
Cordiali saluti,
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 992
Domanda: Buongiorno. Dopo una camminata in montagna ho avuto un dolore al gluteo dx. Dopo stretching il dolore era diminuito. Ho continuato ad andare in palestra eseguendo squat, affondi , glutei e slanci arti inferiori. Mentre facevo un abbraccio delle mie camminate settimanali in piano ho sentito un forte bruciore sottogluteo bilaterale che si calmava solo con il riposo. . . ma da allora nn ho problemi di dolore i glutei, nn riesco a stare seduta a lungo X dolore lungo gli Ischia tibiali. Da eco sono emerse piccole calcificazioni peritrocanteriche su cui ho fatto onde d'urto. Il problema però ai glutei e ischio tibiali nn è passato. Vorrei provare dolaren. Potrebbe aiutarmi? Grazie
Risposta: Gentile Anna, dalla descrizione mi sembra che si tratti di una contrattura del muscolo piriforme o otturatore, queste contratture, essendo molto profonde, sotto al gluteo medio, devono essere sciolte a mano, può provare ad applicare il dolaren prima però scaldi bene la zona, se non risolve con il dolaren, si trovi un bravo massaggiatore sportivo, quasi tutte le squadre di calcio anche semi amotariali hanno un massaggiatore (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 993
Domanda: La ringrazio Dott. De Castelli. Mi attivo lunedi. Appena avrò il referto sarà mia cura scriverle subito.
Ancora grazie.
Tina
Risposta: OK (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 994
Domanda: Buongiorno Dottore! Sono stata operata i primi di febbraio all'alluce valgo e una metatarsalgia 2°3° dito del piede sx. Ho notato che l'alluce va bene, ma il 2 e 3 dito oltre ad essersi spostate verso sx il 3 dito nn appoggia bene ma rimane leggermente sospeso. Cosa mi consiglia? GRAZIE
Risposta: Gentile signora Angela, che tipo di intervento è stato eseguito? Chirurgia percutanea con ostetotomia delle teste metatarsali o più invasiva con fissatori? Dopo tre mesi ha fatto il controllo radiografico? Nelle metatarsalgia, molto importante è il decorso postoperatorio, rispettare i tempi di appoggio fare della fisioterapia per allungare i tendini. Visto che sono passati diversi mesi, forse le conviene fare una lastra e vedere se l'osso si è saldato in maniera scorretta, saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 995
Domanda: Buongiorno Dott. De Castelli, ringrazio per la risposta precedente molto tempestiva. Lei mi chiedeva che tipo d'intervento è stato eseguito: ASPORTAZIONE DI BORSITE CON CORREZIONE DEI TESSUTI MOLLI ED OSTEOTOMIA DEL PRIMO METATARSO. Ho eseguito correttamente i tempi di appoggio, ho fatto rx dopo un mese dall'intervento, e i rapporti articolari tutti nella norma. Nn ho eseguito fisioterapie al piede, perché nn mi è stato detto, se no l'avrei fatto. Lei mi consiglia di rifare delle lastre? Oppure sono ancora intempo a eseguire delle fisioterapia? Sono un po'preoccupata, perché sono una persona che cerco sempre di fare quello che mi viene detto, per poi nn avere problemi. Mi consigli per favore. . . . la ringrazio per la sua gentilezza.
Risposta: Gentile Angela, può fare un'ecografia così vediamo se il problema riguarda i tendini o la fascia plantare, quando ha fatto l'eco, mi posti il referto , saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 996
Domanda: Salve
Volevo chiedere un informazione sono stato operato per la terza volta al cheloide sul lobo destro formatosi a seguito di un piercing ora a distanza di circa 2 anni sempra che si stia riformando la mia domanda e se il rigenoma spray e crema mi posso essere utili e se si come usarli grazie.
Risposta: Salve,
certamente i ns prodotti Rigenoma crema e spray sono la valida soluzione.
Le consiglio di applicare sull'area interessata Rigenoma spray (uno spruzzo) due volte al giorno, preferibilmente mattino e sera e quando si è assorbito(l'assorbimento è veloce) Rigenoma crema.
Entrambi i prodotti favoriscono una rapida e corretta rigenerazione cutanea, agiscono sull'infiammazione, sul rossore e sul senso di prurito. Rigenoma spray a base di Ozoile(ozono stabile con Vitamina E) ha principalmente un'azione antinfiammatoria, disarossante e microbicida, in più i metaboliti dell'ozono imbrigliati nell'olio d'oliva stimolano la produzione di fibroblasti e di neovasi nel processo di riepitelizzazione, favorendo una corretta cicatrizzazione. Rigenoma crema oltre ad essere a base di ozoile(ozonidi stabili con Vitamina e acetato) è ricca in acido ialuronico e collagene che agiscono sulla riepitelizzazione , favoriscono l'idratazione e il ripristino del turgore cutaneo contrastando l' ispessimento e l' indurimento cutaneo a carico della cicatrice. La presenza di estratti di piante ad azione lenitiva e decongestionante agisce poi sul rossore e sul senso di fastidioso prurito.
Restiamo a sua disposizione. (Erbagil s. r. l. )
ID Quesito:
 997
Domanda: Buongiorno,
mi sveglio da molto tempo con un forte dolore alle dita di entrambe le mani.
non sono gonfie, ma al risveglio il dolore è molto forte.
Pian piano si attenua, ma rimangono pur sempre doloranti al tatto.
Ho letto che il vs prodotto dolaren è molto efficace, ma che in alcuni soggetta presenta effetti collaterali come giramenti e sensazione di testa vuota.
Come è possibile? E' vero?

Grazie per l'attenzione.
Cordiali saluti
Risposta: Gentile signora Chiara, come lei può immaginare, il dolaren in quanto prodotto per uso topico non può dare assolutamente gli effetti collaterali da lei riportati, inoltre è un prodotto che non contiene molecole sintetiche ma solo prodotti erboristici oltre all'ozono medicale. Per quanto riguarda il suo problema, avrei bisogno di diverse informazioni ovvero l'anamnesi remota e recente e la sua età. Potrebbe trattarsi di reumatismi, sono tante le cause che portano al suo sintomo. Il dolaren lo può usare tranquillamente tre volte al dì per 21 giorni e vediamo se sta meglio. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 998
Domanda: Buona giorno. Sono stato operato al tendine sottoscapolare spalla dx. ho notato un abbassamento del bicipite. Quindi chiedo al chirurgo se era normale. Mi dice di si che in questi casi si taglia il bicipite se nza togliere la funzione. Vorrei chiedere ma non dovevo essere informato sul procedimento? Avrei potuto scegliere se tenotomia o tenodesi? . grazie mille
Risposta: Gentile Angelo, in teoria si lei ha ragione, nella pratica, si preferisce il difetto estetico, dato dalla tenotomia, alla tenodesi che crea al paziente diversi disagi per diversi mesi oltre a possibili recidive, i chirurghi se non quelli plastici, non sono molto interessati all'aspetto estetico dell'operazione. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 999
Domanda: Gent. mo Dott.
da circa tre mesi avverto all'avambracio dx, sia come lo piego verso l'interno che sia in fase di estensione , un senso di tensione dolore nella zona del muscolo pronatore.
Ho eseguito sie eco. che radiografia pensando che si trattasse di epicondilte come suggerito da ortopedico, Ma dai suddetti esami svolti anche in più sedi diverse e consultando altri ortopedici il risultato è stato negativo, il tendine e la zona dell'epicondio risultano perfetti.
Volevo chiederle se usassi il dolaren riuscirei a far passare questo dolore che mi afflige in modo ostinato.
Ho provato anche con tecar, ma senza nessun risultato.
La ringrazio in anticipo per la Sua Risposta
Risposta: Gentile Cristian, da quello che lei descrive, sembrerebbe trattarsi della sindrome del pronatore rotondo, ovvero la compressione a livello di avambraccio del nervo mediano. Se lei muove il polso, avverte dolore? In questi casi il dolaren le serve a poco, dovrebbe fare un ciclo di cortisone e vedere se riesce a sfiammarlo, diversamente le consiglio una visita da un chirurgo della mano per l'intervento chirurgico, banale intervento che serve a liberare il nervo dai muscoli che l'hanno incarcerato. Saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 1000
Domanda: Chiedo cortesemente se la crema rigenoma si può utilizzare sulle mucose intime. Da quando sono entrata in menopausa e con lo scombussolamento ormonale in corso, la mia pelle è diventata l'organo bersaglio. Il ginecologo sospetta un herpes ma non ci sono bolle o croste, solo arrossamento con prurito e bruciore (non sempre ). Meglio la crma o il prodotto specifico vulvo vag? Grazie
Risposta: Gentile Utente, per il suo problema le consiglio di applicare Vulvovagi sia internamente che esternamente come terapia d'urto per 7 gg, uno o due spruzzi mattino e sera e di continuare poi con la crema come terapia di mantenimento una volta al giorno. In caso di riacutizzazione riutilizzare Vulvovagi. Se durante l'applicazione dello spray dovesse sentire un bruciore iniziale anche intenso, ma della durata di alcuni secondi non si preoccupi, il prodotto sta facendo la sua azione. A questa sensazione segue poco dopo una sensazione di benessere. I prodotti non hanno controindicazioni né problemi di sovradosaggio.
A disposizione per qualsiasi informazione, mi faccia sapere.
Cordiali Saluti,
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1001
Domanda: Buonasera, dopo qualche mese di forte prurito vulvare precisamente parte alta delle grandi labbra e pube, curato con cortisonici ma senza risultati, la ginecologa mi ha consigliato rigenoma crema, la sto applicando due volte al giorno da 7 giorni ma il prurito è sempre forte e costante ed inoltre si sono formate tante croste di pelle morta. . . secondo lei potrei essere sulla buona strada? È normale che il prurito ancora non passa?
Risposta: Gentile Utente, per il suo problema le consiglio di applicare Vulvovagi sia internamente che esternamente come terapia d'urto per 7 gg, uno o due spruzzi mattino e sera e di continuare poi con la crema come terapia di mantenimento una volta al giorno. Se durante l'applicazione dello spray dovesse sentire un bruciore iniziale anche intenso, ma della durata di alcuni secondi non si preoccupi, il prodotto sta facendo la sua azione. A questa sensazione segue poco dopo una sensazione di benessere. A sua disposizione per qualsiasi altra informazione, cari saluti

Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1002
Domanda: MI HA RISPOSTO. (QUESITO 1000). HO VISTO LA DERMATOLOGA LA QUALE MI HA DETTO CHE SI TRATTA DI LICHEN VULVARE INIZIALE E NON HERPES. CAMBIA QUALCOSA NELLA SUA RISPOSTA? ?
GRAZIE
Risposta: Qualcosa cambia, in caso di Lichen resta l'applicazione di Vulvovagi internamente come terapia d'urto, ma esternamente le consiglio di applicare il prodotto Banival che per tale problematica specifica è stato testato con gran successo al Policlinico di Messina.
Cari Saluti
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 1003
Domanda: Buona sera sono Martina 53 anni dopo tanti anni di inattività ho ricominciato un'attività in palestra di Total body , in breve sono circa 4 5 mesi che mi duole il tallone sinistro, ho fatto tecar terapia, una infiltrazione, raggi ma non risulta nulla, ma permane il dolore.
Ora ho fatto la RM e ha messo in rilievo un piccolo edema nella parte spugnosa dell'osso del tallone e fascite plantare.
Mi viene consigliata la magneto terapia. . . ma sarà un decorso lungo, consigli per velocizzare?
Grazie
Risposta: Buongiorno Martina, intanto mi inoltri il referto della risonanza, la fascite tende a cronicizzare velocemente, io nei casi simili al suo, consiglio di usare la talloniera in gel tipo iron man, che trovi nei negozi di sport o su internet, e applico il kinesio taping, la magnetoterapia non capisco a cosa possa servire, non hai frattura, inoltre sulla pianta del piede puoi applicare il dolaren che ha una buona azione antinfiammatoria, mettilo 3 volte al dì per 21 giorni, ma acquista la talloniera e per un po stai a riposo (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 1004
Domanda: Buongiorno dottore, volevo chiarimenti circa ĺ'esito di questa risonanza. Grazie. Rotula alloggiata sul solco femorale con tendenza al basculamento esterno. Rima femoro rotulea asimmetrica in presenza di marcata erosione del panno condrale in quadro di condropatia di 3^ grado in sede trocleare esterna. Regolare il tendine quadricipitale e il corpo di Haffa. Lievi alterazioni intrasostanza in corrispondenza del corno posteriore del menisco mediale. Sostanzialmente regolare il segnale e la morfologia del menisco laterale. Regolare il segnale dei crociati e dei collaterali. Minima falda di versamento articolare con iniziale distensione della borsa di Baker. Piccolo film fluido si dispone lungo il tendine popliteo. Preciso che prima ho fatto anche un'eco che ha rilevato una cisti di Baker di millimetri 42 × 9 × 18.
Risposta: Buongiorno Elena, non conosco la tua età però il ginocchio in esame è messo maluccio, la lateralizzazione della rotula nel tempo ha portato ad un consumo abnorme della cartilagine e questo ti ha provocato diversi guai, tra cui il menisco interno consumato, l'infiammazione del ginocchio, provoca la ciste di Baker. Prova con delle infiltrazioni di ozono e vedi se la situazione migliora, mantieni un peso corporeo nei limiti ed evita di fare lunghe passeggiate o di stare tante ore in piedi. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 1005
Domanda: Dottore,
La ringrazio per la risposta ( quesito 1004), le comunico che ho 50 anni e peso 46-47 kg. Fino a 2 mesi fa (poi mi é venuta la cisti) camminavo 5 chilometri al giorno, sono troppi non potró piú farli? Mi piace camminare. Nel frattempo che devo andare dall'ortopedico mi é stato consigliato di mettere una ginocchiera. Puó andare bene? É da considerare anche un'eventuale operazione per stare meglio? Grazie.
Risposta: Mi scusi ma prima di questi due mesi non ha mai avuto problemi al ginocchio? Per ridurre il ginocchio in questo stato, vuol dire che lei ha camminato storta per parecchi anni. La ciste non è un problema quando va dal l'ortopedico se la fa siringare, il problema vero è la cartilagine finita e quindi quando cammina le ossa toccandosi si infiammano e danno origine alla ciste. Ripeto, provi a fare un'infiltrazione o Visco supplementazione e vediamo se la capsula articolare lo tiene, non è detto perché se si forma la ciste, vuol dire che c'è una fistola poplitea. Senta l'ortopedico cosa dice, possibile anche che qualcuno le consigli la protesi, anche se è un po troppo giovane (Dr. Roberto De Castelli)

Formula un quesito



Impossibile visualizzare il form per inviare messaggi dal sito web poiché si è scelto di disattivare il Cookie Google reCAPTCHA.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie dalla quale è possibile attivare/disattivare ogni singolo cookie.

News
Distributori
Certificazioni
L'Esperto Risponde
Brevetti
Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico chirurgici, si avvisa l'utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.