L'Esperto Risponde

Quesiti e risposte

ID Quesito:
 601
Domanda: Salve, ho 40 anni pratico palestra da 15 anni 3 volte la settimana anche in maniera abbastanza intensa, peso 100 kg ed eseguo un alimentazione sana ed equilibrata bevendo abbastanza acqua al giorno. Volevo da lei sapere se posso continuare ad assumere l'integratore di BCAA (1 gr ogni 10 kg di peso corporeo) soltanto i giorni di allenamento (3 volte la settimana) nonostante il valore della mia Creatina Clearance pari a 67 ml 24h (70 - 120) e il valore della mia GPT (transaminasi) pari a 100 U I (5 - 40). Potrebbe l'assunzione ciclica (2 mesi s ed 1 no) dei BCAA continuare a pregiudicare la salute dei miei reni ? oppure eventualmente quella del mio fegato? Grazie
Risposta: (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 602
Domanda: Gentile Dott. De Castelli, mia figlia ha 22 anni e pratica danza da circa 16 anni. Da molto tempo soffre di borsite al ginocchio che ha curato con infiltrazioni e fisioterapie particolari senza alcun rimedio. In alcuni periodi dell'anno il disturbo pi intenso. Da tanto tempo soffre anche di verruche tra le dita dei piedi che danno maggior fastidio durante il periodo di pratica sportiva. Anche le verruche sono state curate con vari metodi e prodotti (crioterapia, etc. etc. ) ma soprattutto durante la danza si ripresentano. Si possono curare entrambi i fastidi con i prodotti naturali della famiglia Erbagil? In alternativa esistono altre possibilit di soluzioni definitive? Grazie
Risposta: Gentile sig Roberto, la borsite di cui lei parla probabilmente riferibile alla osteocondrite tibiale anteriore o pi conosciuti come Osgood- schlatter o morbo dell'accrescimento, molto frequente nei giovani atleti; avete fatto una radiografia al ginocchio? Nel caso mi posti il referto; per quanto riguarda il piede dell'atleta o micosi interdigitale, una buona cura usare il detergente idrozoile e dopo applicare il rigenoma spray, cercate di lasciare il piede il pi possibile scoperto e la calzatura va lavata spesso e lasciata asciugare al sole diretto, stessa cosa vale per le salviette che usa per asciugare il piede. Andando verso la buona stagione, dovrebbe essere abbastanza facile debellare questa micosi. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 603
Domanda: quale pomata mi consiglia per l'epicondilite?
Risposta: gentile signora una buona crema il dolaren a base di ozono medicale, arnica, artiglio del diavolo e ribes nero, applichi tre volte al d per 14 gg questa crema e nel caso si aiuti con il danzen, farmaco da banco ad azione antiedemigeno e antinfiammatorio a base di serratio peptidasi, enzima presente nel baco da seta, ne prenda due pasticche al mattino e due alla sera per 5gg, durante la terapia cerchi di tenere l'arto a riposo. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 604
Domanda: Buongiorno, da circa 15 giorni ho un forte dolore al tallone dx, inizialmente il dolore era leggero, alcuni giorni si attenua, altri ricorre pi doloroso. All'inizio il dolore era solo nel camminare, ora, da qualche giorno, anche nello stare a riposo. Da un paio di giorni mi prende anche la caviglia e il polpaccio e, nel pomeriggio, ho la sensazione di gamba gonfia.
in altre occasioni ho gi usato il vo3, posso usarlo anche in questo frangente? E in che modo? quante somministrazioni?
Grazie per la risposta
Risposta: gentile sig Sergio per inquadrare meglio il problema dovrebbe gentilmente rispondermi a delle domande: ha cambiato di recente calzature? porta scarpe basse, tipo tennis? fa uso di plantari? anche se a livello amatoriale un podista? il suo problema potrebbe esser dovuto alla spina calcaneare o sperone o a una tendinite achillea che poi si ripercuote a livello di muscolo soleo e gastrocnemio o volgarmente chiamati gemelli del polpaccio. il dolaren(ex v03dol)lo pu benissimo applicare 3 volte al d per 14 giorni a livello di tendine achilleo dove passa in superficie cio sopra il calcagno, provi con le dita a pizzicarlo e poi mi fa sapere se dolente. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 605
Domanda: Grazie della risposta Dr Castelli. Integro quanto da Lei richiesto:
- non ho cambiato scarpe per almeno 1 mese prima del dolore, erano scarpe normali e non tipo tennis, non ho mai portato plantari e non pratico podismo. Alla palpazione, come da Lei richiesto, non presenta dolore nė il tendine e nemmeno la parte sottostante del tallone, che invece presenta dolore nella parte esterna sx maggiormente nella fase di camminamento, ma anche a riposo. Per avere meno dolore nel camminamento sono portato a rivogere la direzione del piede dx verso l'interno. Il dolore, nella parte sotto del tallone anche ha riposo, non subisce aumento alla palpazione profonda, direi che non porta assolutamente variazione di dolore.
si evidenzia solo nel camminamento.
oltre al Dolaren, sono possibili altre terapie o accorgimenti?
grazie per la Sua cortese risposta
Risposta: gentile sig Sergio, senza visitarla non facile darli un consiglio per io farei una radiografia perch potrebbe essere l'inizio della spina calcaneare, nel tal caso, il suo accorgimento antalgico, cio portare l'arto verso l'interno, nel giro di poco tempo, le porta problemi di postura che poi si sommano al problema iniziale, se vuole quando ha il referto dell'esame lo posti e vediamo se il quadro clinico diventa pi chiaro (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 606
Domanda: referto ecografico: distrazione di II grado a carico del tratto preinserzionale prossimale del muscolo gemello mediale e distrazione di II grado a carico della giunzione distale del muscolo gemello mediale con rottura epimisiale e fuoriuscita dell'ematoma in sottocutaneo ed intrafasciale: consiglio riposo per 2 mesi, gambaletto elastico per 2 m. durante il giorno, tacco di 5 cm per 1 m. , no corsa si cammino per un mese poi streching e cammino veloce, manipolazione drenante, fisiokinesiterapia riabilitativa fra un m. , cardioaspirina 100 1 cpr dopo cena per 2 mesi.
La distrazione avvenuta da 9 giorni. Il dolore in continuo aumento, normale? Ulteriori consigli? La cardioaspirina non l'ho potuta iniziare a causa d una polipectomia avvenuta 5 gg dopo l'infortunio, comporta rischi particolari?
Grazie per la risposta.
Risposta: Gentile Ottavio, io posso dirle come tratto le lesioni muscolari poi lei decide il da farsi. Quando avvengono le distrazioni muscolari o strappi vi sempre anche l'ematoma, quest'ultimo se non viene rimosso quanto prima, si organizza ovvero la parte corpuscolata del sangue cio la fibrina precipita e forma una specie di gelatina che poi difficilmente si riesce a togliere. Se questo ematoma rimane all'interno delle miofibrille, crea problemi alla cicatrizzazione delle stesse. Le dico questo perch immobilizzare l'arto porta inevitabilmente alla formazione del l'ematoma organizzato. Dopo 10 gg pu provare ad usare L'Ultrasuoni con sotto il dolaren mischiato al gel per elettromedicali nella porzione di 3: 1 gel dolaren, lasci libero l'arto e cammini magari aiutandosi con i bastoni canadesi per 30', se non pu prendere la cardio aspirina prenda lo stesso un eparinoide per prevenire la trombosi, sul polpaccio metta 3-4 volte al d la borsa dell'acqua calda per far sciogliere questa gelatina o ematoma organizzato. Tra un mese rifaccia una ecografia e vediamo se la lesione guarita. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 607
Domanda: Salve, ho 23 anni sono alto cm 170 e sono abbastanza magro, il mio peso di 56 kg. Potrebbe consigliarmi la marca di un efficace correttore o quant'altro per eliminare macchie sulla mia pelle e cosa importante riportare il mio viso ad un colore del tutto omogeneo ? Grazie
Risposta: Gentile Utente, per le problematiche di macchie cutanee, quindi non un correttore, ma un prodotto che punta a riequilibrare in maniera uniforme la produzione di melanina e a dare al volto il suo colorito naturale, ma omogeneo le posso consigliare Depigoile, una biocrema a base di Ozoile in associazione con agenti ad azione cheratolita e cheratoplastica che eliminano gli strati pi superficiali dell'epidermide e contrastano cos l'aspetto stanco e opaco del volto conferendo luminosit e al tempo stesso stimolano la sintesi di nuove cellule dal profondo andando a svolgere anche un'azione regolatrice sulla produzione di melanina ostacolando la formazione delle macchie cutanee. A disposizione per altre informazioni, porgo cordiali saluti.
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 608
Domanda: Buongiorno Dr De Castelli, ho seguito il Suo consiglio e come prima indagine veloce ho fatto un'ecografia al calcagno. Le trascrivo il referto:
Nella norma il tendine di Achille.
l'indagine evidenzia ispessimento della fascia plantare all'inserzione calcaneale profonda in sede mediale, con ecostruttura ipoecogena e disomogenea, come da attdndibile quadro di fascite plantare.
lieve imbibizione edematosa dei tessuti molli sottocutanei adiacenti.
Non nodolazione a carico della restante porzione visualizzabile della fascia plantare.
---------
Il radiologo mi ha consigliato di percorrere 3 alternative:
- infiltrazioni
- laser terapia
- ultrasuoni.
La mia Farmacista di fiducia mi ha consigliato di utilizzare dei cerotti: Versatis 5% da applic99XJQ8are solo la sera e per non pi di 12 ore.
ho utilizzato questi cerotti per 3 sere poi, leggendo il bugiardino, ho interrotto l'applicazione, anche perch non avevo notato alcun miglioramento nemmeno nella diminuzione del dolore.
ho ripreso l'applicazione di Doloren 3 volte al giorno.
Mi hanno consigliato degli esercizi specifici per il tallone, ma anche in internet non ho capito quali sono.
Alla luce della diagnosi sopra riportata, qual' il Suo suggerimento e i Suoi consigli. In attesa della Sua cortese risposta La ringrazio cordialmente
Risposta: Gentile sig Sergio, la fasciste in fase acuta la si cura bene con ultrasuoni ad immersione e kinesio taping; nel suo caso avendo origine dal calcagno a mio avviso utile una talloniera in gel per alleviare l'impatto del calcagno con la scarpa. Dopo una settimana di terapia con ultrasuoni, acquisti una pallina da tennis e faccia allungamenti facendoci passare la pianta del piede sopra. eviti scarponi pesi e se ha modo metta il piede nell'acqua di mare viceversa faccia dei pediluvi con acqua e sale grosso. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 609
Domanda: Salve mi chiamo Claudio, la ricontatto di nuovo e le specifico che non s esattamente la conseguenza delle mie imperfezioni sul viso se esse sono legate ad occhiaie o borse o altro problema. Quindi mi servirebbe una crema naturale che possa (non necessariamente) agire in profondit ma che possa certamente eliminare e non nascondere tutte le imperfezioni del mio viso e se possibile anche qualche macchia cutanea posta sul mio petto. Mi ha parlato della biocrema DEPIGOILE (costo 38), volevo dirle se tale crema efficace per i miei problemi e in quanto tempo possa riuscire a farmeli scomparire. Altrimenti mi proponga un altra crema ma essendo esperta in materia questo me lo dovrebbe dire lei. Conclusione: mi serve un ottima crema. Grazie e Distinti Saluti
Risposta: Gentile Claudio,
lei mi chiede di consigliarle una crema che elimini gli inestetismi del suo volto senza saper definire il tipo di inestetismo. Dovrebbe pertanto recarsi a visita dermatologica. In ogni caso mi ricordo che nella mail precedente faceva riferimento ad una conformazione costituzionale esile e ad un peso basso rapportato all'altezza, pertanto il colorito che poco le piace potrebbe essere anche il suo colorito fisiologico. Per quanto riguarda le macchie localizzate sul petto e sul volto torno a consigliarle Depigoile che per un prodotto da utilizzare la sera e comunque nei periodi in cui il sole non forte quindi sia come azione preventiva o riparativa di danni legati o aumentati dall'esposizione solare. Cari saluti
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 610
Domanda: Gentile Dott. De Castelli, in riferimento al quesito n 602, comunico il referto della RSM richiesta dall'ortopedico: BORSITE SOVRA-ROTULEA. Dopo varie sedute di esercizi sbagliati c o uno dei migliori centri fisioterapici locali, ho portato mia figlia da un dottore specialista in medicina sportiva, il quale senza consultare la RSM, ha diagnosticato una semplice infiammazione al ginocchio, assicurandoci che con poche sedute di infiltrazioni avrebbe risolto definitivamente il problema. Cos non stato e, mia figlia che pratica danza da circa 16 anni, accusa ancora dolore nella parte anteriore del ginocchio, sopra la rotula, senza presentare particolare accrescimento osseo. Ricordando che mia figlia ha 22 anni e presenta questo problema da circa 5 anni, sentitamente ringrazio.
Risposta: Gentile sig Roberto, come le ho gi scritto, normalmente queste borsiti o entesiti del tendine rotuleo derivano da uno sviluppo muscolare piuttosto pronunciato a cui non fa seguito un'altrettanto accrescimento osseo. il risultato spesso la cronicizzazione dell'infiammazione. Io sarei pi propenso a fargli fare una visita posturale statica e dinamica fatta bene magari usando le pedane computerizzate e vediamo che cosa esce fuori, ormai il problema pi posturale che la semplice gonalgia. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 611
Domanda: Vorrei sapere se ci sono studi circa eventuali effetti negativi del Dolaren sulle donne in stato di gravidanza.
Cordiali saluti.
Risposta: Gent. ssima,
nessuno studio ha rilevato effetti negativi correlati all'uso di Dolaren in gravidanza.
Il prodotto non essendo un farmaco non ha controindicazioni.
Restiamo a sua disposizione per eventuali ed ulteriori informazioni. (Erbagil s. r. l. )
ID Quesito:
 612
Domanda: Gent. mo dott.
pu avere effetti positivi il trattamento con dolaren ed ultrasuoni pulsato in caso di SCLERODERMIA?
Risposta: Gentile sig Marco, la sclerodermia come lei sa bene una malattia autoimmune di tipo degenerativo. Le forme cutanee quindi l'ispessimento dello strato corneo dell'epidermide, rispondono bene al trattamento con il rigenoma spray intervallato dal medesimo prodotto ma in crema. L'ozoile ha delle propriet molto interessanti come l'azione antinfiammatoria e di ripristino della micro circolazione sanguigna attraverso la neoangiogenesi. Applichi sulla zona interessata il rigenoma spray 3 volte al d e la sera prima di coricarsi il rigenoma crema. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 613
Domanda: Gentile Dottore, le chiedo un consiglio riguardante i miei problemi al ginocchio destro. Ho 52 anni, e da poco meno di due mesi accuso dei forti dolori pur senza aver subto alcun tipo di trauma. Un mese fa sono stato sottoposto a risonanza magnetica e nelle scorse settimane ho fatte delle visite da alcuni ortopedici, i quali hanno espresso pareri per certi aspetti discordanti.

In sostanza venuta fuori una lesione menisco mediale interna al ginocchio destro con alterazione della cartilagine articolare.

C' chi consiglia il potenziamento del quadricipite ed il successivo intervento in artroscopia se non si ottengono benefici, c' chi invece per il tipo di lesione suggerisce direttamente un intervento sempre in artroscopia. In ogni caso mi stato prospettato che anche con l'artoscopia non risolverei il problema, considerato che i problemi alla cartilagine potrebbero portare ad una forte forma di artrosi, qualora venisse tolto il menisco. Nel frattempo mi sto sottoponendo ad un ciclo di tecar terapia e a degli esercizi per potenziare la muscolatura. Sono quasi a met ciclo di tecar ma ancora non ho ottenuto alcun beneficio, il dolore sempre persistente ed a volte interessa anche l'altra gamba e la schiena, considerato che per non forzare troppo il ginocchio dolente, sto facendo carico pi sull'altra gamba a volte con una postura che non favorisce la colonna vertebrale.

Sono molto confuso e le chiedo un consiglio sul percorso che a suo avviso dovrei seguire, considerato che i dolori permangono e che l'intervento, tenuto conto della mia et, non sembreberre del tutto risolutivo. Insomma ci sar un modo per trovare un'effettiva soluzione al problema? Ho pensato ad una terapia conservativa, la pi adatta per il mio caso, ccosa pu indicarmi? Secondo lei in qualche maniera il ginocchio potr tornare come prima e consentirmi di riprendere a camminare e correre normalmente?
Ringrazio anticipatamente e porgo distinti saluti.
Gianfranco Rossi
Risposta: Gentile sig Rossi io preferirei leggere direttamente Il referto della risonanza e poi risponderle ad ogni modo Il menisco lesinato va tolto mentre la condropatia va fermata usando prodotti specifici tipo il dolaren e tonificando bene il quadricipite. aspetto di leggere Il referto e poi sar pi preciso . (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 614
Domanda: Buonasera, ho letto buone recensioni a proposito dell'utilizzo di vulvovagi spray e del detergente vo3 intimo in caso di candida ed ho intenzione di acquistarli. Per evitare un possibile effetto ping pong con il mio compagno, quali prodotti dovrebbe utilizzare lui? In attesa di una risposta, ringrazio ed invio cordiali saluti.
Risposta: Gent. ssima,
sufficiente che il suo partner nella detersione quotidiana utilizzi il ns detergente Vo3 Intimo mattina e sera per almeno 10gg.
A sua disposizione (Erbagil s. r. l. )
ID Quesito:
 615
Domanda: Gentile Dottore, seguendo il suo consiglio, relativamente all'onicomicosi cronica su tutte le dita dei piedi, sto usando rigenoma spray mattina e sera da circa due mesi, con lievissimi risultati. Quando tempo si deve e si pu usare lo spray per risolvere definitivamente il problema? Grazie
Risposta: Gentile sig Roberto le micosi dell'unghia sono abbastanza lunghe a togliersi, normalmente deve aspettare che l'unghia cresca e rinasca sana, talvolta c' bisogno di pi di un ciclo completo, porti pazienza e ora che la stagione lo permette stia il pi possibile con il piede scoperto e al sole. i tempi per la guarigione cambiano anche in base al dito colpito, chiaramente l'alluce ci mette molto tempo avendo una superficie ampia rispetto alle altre dita. (Dr. Roberto De Castelli)

Formula un quesito



Impossibile visualizzare il form per inviare messaggi dal sito web poiché si è scelto di disattivare il Cookie Google reCAPTCHA.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie dalla quale è possibile attivare/disattivare ogni singolo cookie.

News
Distributori
Certificazioni
L'Esperto Risponde
Brevetti
Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico chirurgici, si avvisa l'utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.