L'Esperto Risponde

Quesiti e risposte

ID Quesito:
 511
Domanda: Buongiorno dott. re De Castelli,
ieri dopo una seduta di allenamento (calcio) ho avvertito un dolore all'inguine a destra (parte bassa dell'inguine)mi sono fermato subito.
Il dolore minimo e si avverte se provo a correre piano ho a fare degli scatti.
Cosa mi consiglia di fare ho gi acquistato il DOLAREN, GRAZIE.
PS COMUNQUE 1 ORA PRIMA DEGLI ALLENAMENTI O PARTITA PRENDO MEZZA PASTIGLIA DI CARNOSINA FACCIO BENE? ?
Risposta: Gentile utente ci sono due possibilit in quella zona, o l'infiammazione degli adduttori o il tendine comune dei muscoli flessori o zampa d'oca, nel primo caso lei dovrebbe sentire a livello inguinale un rigonfiamento sotto pelle, e se con il pollice ci passa sopra e va verso la faccia interna del ginocchio mi fa sapere il dolore fino a che distanza dall'inguine lo avverte, nel secondo caso, lei dovrebbe sentire un cordoncino che sotto l'inguine, pi spostato verso la faccia posteriore e decorrere lungo la gamba faccia interna fino al ginocchio, fossa poplitea, mi faccia sapere dove localizzato il dolore, per quanto riguarda la carnosina la pu prendere tranquillamente, con i dosaggi che indica non penso che possa avere molti benefici ma sicuramente male non gli fa, saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 512
Domanda: Buonasera dott. re De Castelli,
grazie per la sua tempestiva risposta; ho verificato la parte dolorante e devo dire che non vi nessun rigonfiamento o cordoncino innaturale, comunque il dolore si propaga dalla parte bassa dell'inguine continuando nell'interno coscia destra non tutta questo si verifica stando sdraiati sul letto e divarricando le gambe al tatto nessun dolore.
Ho usato sulla parte dolorante massaggiando il dolaren.
Le volevo chiedere se cortesemente mi potrebbe indicare la quantit necessaria di carnosina da assumere, io ho 40 compresse da 36g. grazie.
PS DOMANI FARO' UN0ECOGRAFIA PER ESSERE SIUCURI, E MAGARI LE SCRIVO GLI ESITI GRAZIE ANCORA,
Risposta: Buongiorno, dalla descrizione mi sembra di capire che potrebbe esserci il tendine comune dei flessori, applichi il dolaren tre volte al giorno, e mi posti il referto della eco, per la carnosina prenda due pasticche al d, saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 513
Domanda: Buongiorno Dr De Castelli,
grazie ancora per la sua disponibilit, ieri ho fatto la eco alla'inguine-coscia DX questo il referto: NON SONO EVIDENTI SEGNI DI LESIONI MUSCOLARI IN ATTO. NON VERSAMENTI FLUIDI O RACCOLTE.
Sembra solo un affaticamento muscolare.
Il medico mi ha detto che potrei gi iniziare con cautela a rifare l'allenamento, lei cosa mi consiglia? potrei fare anche la partita domani?
PS PER LA CARNOSINA DEVO PRENDERLA SEMPRE O SOLO PRIMA DI UNA PARTITA E POI PRIMA O DOPO PASTI, GRAZIE 1000.
Saluti
Risposta: Mi scusi se le rispondo in ritardo, partiamo dalla carnosina, questo integratore va preso sempre e lontano dai pasti, lo prenda per trenta giorni e poi lo sospenda per altri trenta, se alla ecografia non risultano alterazioni muscolari, riprenda gradatamente gli allenamenti evitando scatti, gradoni e ziz zag, inizi a correre con le scarpe da ginnastica e faccia corsa lineare, per la partita forse un po presto, faccia una settimana di allenamento e dopo l'allenamento e doccia applichi il dolaren, mentre il ghiaccio meglio di no, saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 514
Domanda: G. le Dottore, ho avuto qualche mese fa un indolenzimento alla spalla che si acuito questa estate per effetto di un tuffo in mare, i primi giorni il dolor stato fastidiosissimo poi rientrato ma non del tutto, a secondo il movimento che faccio col braccio mi da ancora un lieve fastidio, questi i risultati della RM:
RM SPALLA E BRACCIO SX
L'indagine stata eseguita con tecnica FFE e SPIR,
mediante scansioni orientate lungo il piano assial
e, paracoronale e
parasagittale dipendenti dal T1 e dal T2, sia senza
che con soppressione del segnale del grasso.
Estesa alterazione dell'intensit di segnale, edema
equivalente, della spongiosa del trochite omerale
reperto di non
univoca interpretazione diagnostica (edema nell'amb
ito di una sofferenza edematoso-osteitica? Contusio
ne
osteomidollare? Altro? ).
Necessaria, per una ottimale valutazione della matr
ice ossea completamento diagnostico con esame radio
logico
e o TC.
Minimi segni di tendinosi inserzionale del sovraspi
noso.
Non alterazioni morfo-strutturali dei tendini dell'
infraspinoso e del sottoscapolare.
Non versamento nella borsa sub-acromion-deltoidea.
Indenne il tendine del capo lungo del bicipite.
Minimi segni di artrosi acromion-claveare.
Lieve ispessimento del legamento coraco-acromiale
Grazie in anticipo per il consulto
Risposta: gentile sig Antonio io posso solo limitarmi a tradurle in parole pi semplici il referto della risonanza che sostanzialmente le dici che ha un livido piuttosto esteso a livello di trochitere omerale, per fin quando non fa una rx non dato di sapere se presente anche una sofferenza ossea, per il resto c' un po di infiammazione del sovraspinato, tenga presente che al trochitere, si inseriscono tutti i tendini della cuffia dei rotatori quindi un edema su questa prominenza, ha ripercussioni su tutta la spalla, inoltre questa articolazione, va incontro a calcificazioni molto velocemente, quindi faccia quanto prima una rx e mi posti il referto e vediamo cosa si pu fare, intanto l'applicazione del nostro dolaren le pu tornare utile per sfiammare il sovraspinato. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 515
Domanda: G. le Dottore la ringrazio per la risposta sul mio problema alla spalla. Questo il suo consulto (il referto della risonanza che sostanzialmente le dici che ha un livido piuttosto esteso a livello di trochitere omerale, per fin quando non fa una rx non dato di sapere se presente anche una sofferenza ossea, per il resto c' un po di infiammazione del sovraspinato, tenga presente che al trochitere, si inseriscono tutti i tendini della cuffia dei rotatori quindi un edema su questa prominenza, ha ripercussioni su tutta la spalla, inoltre questa articolazione, va incontro a calcificazioni molto velocemente)traspare evidente la mia preoccupazione nel dovermi sottoporre ad un ipotetico rimedio invasivo , provero' il Dolaren come mi ha consigliato, la radiografia la far a breve e poster il referto! Distinti saluti
Antonio
Risposta: gentile sig Antonio non fasciamoci la testa prima del tempo, aspettiamo il referto della rx e poi valutiamo, ad ogni modo il suo un semplice trauma che ha solo bisogno di un po di tempo per riassorbirsi, la rx ha senso per vedere se c' in corso un fenomeno degenerativo come un'inizio di artrosi, quindi nulla di preoccupante, saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 516
Domanda: Domanda: gentile dottore,
ho un emorroide interna tra il secondo e il terzo grado che esce (a volte sanguina) quando cammino e che rientra manualmente. penso di averne qualche anche esterna. il medico di base mi ha prescritto hamolind 3 compresse per tre volte al giorno per 12 giorni poi metto la pomata antrolin. in piu uso le supposte asacol 500 (2 volte al giono) mattina e sera e sto prendendo delle gocce composte di ippocastano amamelide e rusco 30 gocce per 3 volte al giorno. Il rigenoma spray pu farmi guarire? secondo lei entro quando dovrei vedere dei risultati? in quanto si guarisce?
grazie
Risposta: Le rispondo volentieri confermando l'uso del rigenoma spray ad uso locale per la patologia che La riguarda. tre applicazioni al giorno e credo che i risultati in una settimana saranno decisamente visibili. (Dr. Michele Selvaggio)
ID Quesito:
 517
Domanda: Salve, io pratico baseball a livello professionistico(serie B) e pi precisamente faccio il lanciatore.
Ultimamente ho ripreso a fare anche palestra per aumentare la massa muscolare, ma questo ultimo fine settimana durante la partita sono durato solamente 43 lanci causa un dolore incredibile al gomito che non mi permetteva nemmeno il controllo e la velocit(ridotta di molto) della pallina. . . . premetto che ho gi ordinato il dolaren 250. . . . ma devo fare qualcos'altro? quante volte devo utilizzarla? anche prima di un allenamento partita? se devo prendere anche altro cosa? riposo assoluto?
Grazie mille dei consigli
Risposta: gentile Davide come ben saprai lo sport che pratichi sollecita molto due articolazioni, la spalla e il gomito, la tua un'epicondilite mediale e io solitamente le tratto con sedute di ultrasuono con sotto il dolaren mischiato ad un po di gel per ultrasuoni. sfiammata l'articolazione, applico il kinesio taping e sopra ci spalmo il dolaren. Nella fase acuta consigliabile prendere anche dell'antinfiammatorio per bocca come il danzen, ananase o similari che non creano grossi problemi gastrici. il dolaren lo applichi 4 volte al giorno e ripeto, sarebbe utile fare 5-6 sedute di ultrasuono. chiaramente cerca di osservare un po di riposo. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 518
Domanda: Buongiorno Dottore, dopo tre settimane circa di fastidio al tendine d'achille sinistro nella zona tra calcagno e muscoli del polpaccio, dopo un paio di mattine quando alzandomi dal letto sentivo il tendine rigido e la zona fare crik-crak al muoversi del piede (mi scusi la terminologia grossolana ma cerco di rendere chiara la situazione) ho subito una degenerazione e il dolore (prima fastidio) aumentato fino ad estendesi al calcagno anche solo stando in piedi o in macchina appoggiando il piede sinistro sul supporto obliquo in modo che la parte posteriore del tallone preme contro la scarpa (da ginnastica, immagini, eppure mi fa parecchio male). Anche senza scarpe da seduto avverto un fastidio, a volte come un formicolio, sempre nella zona tendine d'achille e che diventa dolore solo appoggiando il tallonenella zona d'attaccatura del tendine al calcagno. Avevo iniziato da qualche giorno a mettere Dolaren due volte al giorno quando ho visto la situazione peggiorava ma probabilmente non stato sufficiente o dovevo iniziare molto prima. Secondo lei come mi posso comportare? Meglio effettuare qualche indagine (no so, ecografia, risonanza magnetica, . . . ), continuo a mettere la pomata, la integro con qualche trattamento fisico (per es. ultrasuoni, laser, . . . ), meglio farsi vedere da qualcuno (fisiatra, medico sportivo, . . . ), qualsiasi altro consiglio mi pu dare ben venga insomma, la situazione di non potermi muovere in pratica come comprende la vivo veramente male. Grazie mille, Marco.
Risposta: gentile sig Marco, io le consiglio quanto prima di prenotare una ecografia perch da quello che scrive, siamo molto vicini alla distrazione o rottura del tendine; il tendine achilleo, scorre all'interno di una guaina, quando questa si infiamma, lo spazio dove scorre il tendine diminuisce e di conseguenza il tendine fa rumore e si muove un po a scatti, pi o meno la stessa cosa del dito a scatto o tenosinovite obliterante, se uno insiste ad usare il tendine, alla fine si strappa e poi bisogna operarsi e stare con il gesso per 60g. quindi faccia l'ecografia e magari in questi gg se non complicato usi i bastoni canadesi o stampelle per muoversi, in questo modo evitiamo di caricare peso sul tendine in questione. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 519
Domanda: Buonasera dott. De Castelli vorrei sapere se la vostra pomata dolaren o vol3dol puo essere usata x dolori nella parte addominale, con precisione retto addominale, o inguine. . . xke avverto fastidio quando contraggo l'addome e ho paura di avere un'inizio di pubalgia o addirittura di avere proprio la pubalgia. . vorrei sapere se posso usare questo tipo di medicinale e se c' qualcosa che posso fare x non sentire molto dolore e fastdio. . . se posso usare questo medicinale vorrei sapere se e possibile trovarlo a galatone in provincia di lecce. . . la ringrazio tantissimo x la risposta. Cordiali saluti
Risposta: gentile Alessio, il dolaren distribuito dalla Comifar e nella zona di Lecce c' la Galatina med, se in farmacia hanno difficolt a reperirlo pu fargli questi due nomi; per quanto riguarda il suo problema pu benissimo applicare il dolaren sul retto addominale e adduttori, applichi il prodotto 3 volte al d per 10 giorni, io nella mia pratica clinica adotto questo protocollo terapeutico: faccio applicare il dolaren 3 volte al d + una seduta di ultrasuono con sotto questo dolaren, questo per 5 sedute, ua volta sfiammato metto i nastri del kinesio taping sempre con sopra il dolaren, dopo il gesto atletico, non metta mai il ghiaccio ma la borsa dell'acqua calda o un termoforo, la pubalgia, una contrattura dei muscoli retto addominali e adduttori, se lei mi applica del ghiaccio, non fa altro che contrarre ulteriormente questi muscoli. all'inizio per allenarsi usi le scarpe a tennis e faccia solo corsa dritta senza cambi di direzione , balzi o scatti, finito l'allenamento, quando il muscolo caldo, faccia gli allungamenti specifici per la pubalgia, non deve esagerare ma deve cercare, giorno dopo giorno di allungarli un pochino. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 520
Domanda: Salve dottore, ho 30 anni e gioco a calcio a livello agonistico. Nel febraio del 2012 ho subito uno stiramento 1 3 superiore al flessore della gamba sx (quasi 5 cm), dopo aver fatto terapie (tecar) sono ritornato a giocare ma ho subito una ricaduta sempre nello stesso punto. Ho rifatto terapie (tecar-ipertermia) e sono tornato a giocare questa volta senza problemi. Quest'anno a met preparazione ho iniziato a sentire un fastidio allo stesso punto del precedente infortunio, pensavo che fosse un affaticamento ma tramite un ecografia ho scoperto di avera una distrazione muscolare di primo grado sempre in quel punto, ho fatto terapie e dopo 15 giorni nell ecografia di controllo il problema era risolto. Il problema che sento sempre fastidio nella stessa zona anche ora, come se il muscolo fosse infiammato e contratto, l'ecografo mi ha detto che pu dipendere dalla cicatrice. . . Lei cosa ne pensa? Cosa mi consiglia? ?
Risposta: gentile Andrea, io pi volte ho espresso il mio giudizio sull'utilizzo della diatermia da contatto o tecar nelle lesioni muscolari, e le ripeto quello che ho gi scritto. L'utilizzo della diatermia da contatto nasce dall'esigenza di accelerare la riparazione delle lesioni muscolari negli atleti professionistici dove ogni giorno di stop vuol dire tanti soldi buttati via. Oggi ci troviamo che anche a livello dilettantistico e amatoriale si usa questo apparecchio con risultati non sempre positivi. Accelerando la cicatrizzazione della lesione muscolare, lei fa una forzatura e spesso queste cicatrici diventano ipertrofiche cio si forma del tessuto fibroso in eccesso che rende il muscolo molto pi spesso e molto meno elastico, da qui la sensazione di un muscolo pi contratto che poi la realt, quando il muscolo pi contratto e meno elastico va incontro spesso a recidive e se si insiste alla distrazione o strappo. lei mi posti gentilmente il referto ecografico e poi vediamo come procedere, io solitamente uso l'ultrasuono con sotto il dolaren, magari ci metto 10gg di pi ma sono sicuro che la cicatrice muscolare perfetta perch non forzata ma rispetta l'esigenze fisiologiche dell'organismo. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 521
Domanda: Salve dottore ecco il referto dell ecografia fatta sabato 30 08: L'esame ecografico della coscia sx regione posteriore ha rivelato disomogeneit ecostrutturale a livello del bicipite femorale 1 3 superiore (31x6mm)da riferire a distrazione di primo grado. L ecografia di controllo fatta 15 giorni dopo diceva che ero praticamente guarito. Ora mi alleno normalmente ma sempre con i fastidi che le spiegavo nella precedente email, dovuti alla cicatrice. Cosa devo fare? ? Grazie mille
Risposta: ma c' stato l'ematoma nella zona interessata dalla lesione? distrazione di primo grado equivale all'elongazione o stiramento, quindi prima dell'allenamento si riscaldi bene e provi ad applicare per 10gg, mattina e sera il dolaren, ne basta poco molto concentrato, prima di applicare il dolaren, se ha tempo sarebbe indicato sulla zona la borsa dell'acqua calda per fare un minimo di iperemia , cos il farmaco si assorbe meglio. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 522
Domanda: No, nessun ematoma nella zona della lesione. Oltre al doloren cosa mi consiglia per rendere piu elastica la cicatrice? Grazie mille per le sue risposte.
Risposta: quindi come le dicevo si tratta di un banale stiramento dovuto ad una rigidit del muscolo che dopo la lesione diventato pi fibroso e meno elastico, deve abituarsi a scaldarsi bene , pi dei suoi colleghi, se avete un masaggiatore, si faccia fare sempre il massaggio e applichi questo dolaren all'inizio due volte al giorno poi passi ad una, il dolaren, contenendo l'enzima bromelina, con il tempo riesce a livellare questa cicatrice ipertrofica e quindi a rendere un po pi elastico il muscolo ma il danno ormai c' stato quindi dovr imparare a gestirlo, se sente tirare troppo si faccia dare il cambio se no rischia davvero la distrazione. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 523
Domanda: Gent. ma Dott. ssa Benevento,
chiedo se possibile trattare una piccola chiazza di alopecia sulla testa con RIGENOMA SPRAY. Grazie e cordiali saluti.
Risposta: Gentile Utente,
come sa leziopatogenesi della patologia non ancora chiara, ma poich Ozoile potenzia il sistema immunitario, stimola la rigenerazione, ripristina la corretta fisiologia cutanea, applichi il prodotto Rigenoma Spray due volte al giorno, mattino e sera sullarea interessata.
Cari saluti
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 524
Domanda: G. le Dottore, in relazione alla vostra risposta (gentile sig Antonio io posso solo limitarmi a tradurle in parole pi semplici il referto della risonanza che sostanzialmente le dici che ha un livido piuttosto esteso a livello di trochitere omerale, per fin quando non fa una rx non dato di sapere se presente anche una sofferenza ossea, per il resto c' un po di infiammazione del sovraspinato, tenga presente che al trochitere, si inseriscono tutti i tendini della cuffia dei rotatori quindi un edema su questa prominenza, ha ripercussioni su tutta la spalla, inoltre questa articolazione, va incontro a calcificazioni molto velocemente, quindi faccia quanto prima una rx e mi posti il referto e vediamo cosa si pu fare, intanto l'applicazione del nostro dolaren le pu tornare utile per sfiammare il sovraspinato. saluti)
ho fatto rx questo il risultato:
presenza di calcificazione in rapporto a periartrite scapolo omerale. Grazie Distinti saluti
Antonio
Risposta: Gentile Antonio, come evidenziato dall'esame radiografico, lei ha una periartrite con presenza di calcificazioni quindi, piano piano andr incontro alla periartrosi. ora applichi con costanza il dolaren mattina e sera con lieve massaggio, tra sei mesi rifaccia una rx e vediamo se la calcificaione avanzata o stabile, nel primo caso deve fare le onde d'urto. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 525
Domanda: Buongiorno dottore, mi ricollego al mio quesito n. 518 sulla condizione attuale del mio tendine d'Achille sinistro e strutture circostanti. Eseguita ecografia le riporto i passaggi: Normale la giunzione mio-tendinea del tendine d'Achille. L'intersezione calcaneare ipoecogena e presenta calcificazioni intrinseche del massimo diametro di mm 5 da entesopatia. Regolare rappresentazione del tendine nei restanti settori. Non borsite retroachillea. Non interruzioni della fascia plantare che mantiene regolare spessore. Anch'essa presenta immagini lineari di aspetto fibrocalcifico all'intersezione calcaneare del massimo diametro di mm 3. Non versamento articolare. Ipoeconeicit da edema dei peronei che mantengono regolare sede e dimensione. . Eseguita radiografia le riporto i passaggi: Non lesioni focali ossee ai segmenti scheletrici esaminati. Fenomeni di entesopatia inserzionale del tendine d'Achille . Alla luce di queste evidenze strumentali e del racconto nel quesito n. 518 sopra richiamato cosa mi suggerisce dottore per guarire in modo efficace? In una settimana di riposo (camminato in casa e poco pi) mettendo del ghiaccio consigliato da un amico (5 minuti per 3 volte al giorno) ho rimediato solo un forte raffreddore (non posso pi usarlo quindi). Il dolore rimasto pi o meno lo stesso, a volte pi al tallone, a volte pi al tendine proprio sopra il tallone. Mi devo preoccupare della diagnosi? La ringrazio ancora, Marco.
Risposta: gentile sig Marco per fortuna non ci sono lesioni a carico del tendine in questione per come era prevedibile vi sono delle calcificazioni abbastanza estese a livello calcaneare, io le consiglierei le onde d'urto, sono un po fastidiose ma nel suo caso dovrebbero essere risolutive, poi una volta tolto il fastidio al tendine achilleo, anche l'infiammazione ai peronei dovrebbe passare. mi tenga aggiornato, saluti (Dr. Roberto De Castelli)

Formula un quesito



Impossibile visualizzare il form per inviare messaggi dal sito web poiché si è scelto di disattivare il Cookie Google reCAPTCHA.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie dalla quale è possibile attivare/disattivare ogni singolo cookie.

News
Distributori
Certificazioni
L'Esperto Risponde
Brevetti
Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico chirurgici, si avvisa l'utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.