L'Esperto Risponde

Quesiti e risposte

ID Quesito:
 406
Domanda: salve! vorrei sapere un rimedio efficace per le ragadi in bocca sto provando molte creme ma senza risultati. grazie.
Risposta: Buonasera, per le afte del cavo orale, penso si riferisca a ciò, esistono diversi trattamenti topici ma sarebbe opportuno capirne la causa per poterle contrastare, eventualmente anche rinforzando le sue difese immunitarie. Le consiglio pertanto di rivolgersi al suo medico per gli accertamenti del caso. Cordiali saluti (Dott. ssa Valentina Carlomagno)
ID Quesito:
 407
Domanda: Buongiorno Dottore,
Sono un podista di 40 anni con problemi di periostite tibiali e spesso anche dolori al tendine di Achille e contratture della coscia, volevo sapere se può essermi utile il dolaren emulgel e se per questi tipi di dolore e' meglio fare una terapie a ultrasuoni o una magnetioterapia ? Grazie
Risposta: Gentile sig Antonio, da quello che lei racconta, il suo problema sembra più un problema legato alla postura, la periostite tibiale è molto comune tra i runners e spesso è dovuta ad una calzatura non adeguata e quando insorge, se non viene curata velocemente porta inevitabilmente all'infiammazione del tendine achilleo; mi permetto di chiederle che scarpe usa quando corre, sono delle A3? le contratture alla coscia probabile che derivino sempre dallo stesso problema, ovvero, se lei appoggia male perché ha dolore, i muscoli lavorano male e si contraggono; la periostite si cura con il ghiaccio, riposo e io applico il kinesio taping con sopra il dolaren da mettere 2 volte al giorno, la testina dell'ultrasuono sull'osso infiammato è dolorosa e la magneto non le serve a molto, però, a prescindere dalla terapia che farà, se non trova la causa che le ha scatenato l'infiammazione del periostio, e di solito è imputabile alla calzatura, finita la terapia e il riposo, il problema le si ripresenta. a disposizione per ulteriori chiarimenti e consigli (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 408
Domanda: Ca rissima dott. Soffro di rachide anale posso usarevo3 active mi puo aiutare a. Risolvere il problema del bruciore? La ringrazio . . . . . saluti
Risposta: Gentile Utente, il prodotto in questione per il trattamento della ragade anale è Rigenoma spray, che grazie all'Ozono topico e ai suoi derivati Ozonidi, Ossigeno molecolare e Bioperossidi non solo agisce sul bruciore ma svolge una azione antinfiammatoria dovuta agli Ozonidi, una azione germicida, dovuta ai Bioperossidi e favorisce la rigenerazione tissutale grazie alla cessione di Ossigeno molecolare. Le consiglio di applicare il prodotto, due spruzzi, per due tre volte al giorno per una settimana e due volte al giorno per la seconda settimana. A disposizione per qualsiasi informazione, resto in attesa di un suo riscontro. (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 409
Domanda: Grazie Dottore per la risposta,
in effetti adesso uso scarpe A3 , prima usavo delle A4 ma mi provocavano altri problemi al legamento dietro il ginocchio che non mi faceva quasi piu camminare.
per adesso sto mettendo ghiaccio 2 volte al giorno e volevo prenotare una visita di controllo , conosce uno specialista in Torino ?
grazie.
Risposta: gentile Antonio, io le consiglio di guardare l'offerte su internet(groupon)per fare una visita baropodometrica statica e dinamica, io stesso l'ho fatta e devo essere sincero è molto utile, sono analisi computerizzate dell'appoggio sia da fermo che mentre cammina sulla pedana. alla fine della visita il terapista le spiega se e come poter rimediare, poi sta a lei decidere se seguire i suoi consigli o meno. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 410
Domanda: Gent. mo dottor Roberto De Castelli,
sono un ragazzo di 28 anni amante dello sport (tennis, corsa) e soffro di fascite plantare al piede destro (ma da alcuni giorni ho fastidi anche nella zona mediale della pianta del piede sinistro) da oltre un anno. inizialmente trattai la patologia dolorosa con antinfiammatori per via orale e locale ma dopo un iniziale e temporaneo miglioramento il fastidio tornava soprattuttto in fase di appoggio del piede (nella zona inserzionale tra calcagno e fascia plantare). Alcuni giorni fa ho finito anche un ciclo di terapie fisiche (tecar + laser yag) e ginnastica propriocettiva ma per ora non ho riscontrato risultati positivi. Lei cosa mi consiglia?
Risposta: buon giorno, ma ha mai fatto una ecografia o risonanza? siamo sicuri che non si tratti di spina calcaneare o volgarmente detto sperone, forse prima di intraprendere tante cure le converrebbe capire cosa c'è che crea dolore, per la spina basta anche una semplice lastra. Se non riesce a sfiammare nemmeno con il laser probabilmente c'è un'interessamento osseo , faccia una lastra o meglio ancora una risonanza e poi mi posti il referto e vediamo, intanto potrebbe provare a mettere una talloniera per la spina calcaneare e vediamo se sta un pochino meglio, sono talloniere in silicone che trova nelle sanitarie fornite o su internet. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 411
Domanda: Salve, ho 39 anni e pratico ormai da 15 anni il bodybuilding. Ho tutt'ora una leggera infiammazione tendinea tra avambraccio e bicipite ma non in prossimità del gomito infatti quando ruoto il mio avambraccio destro verso la parte esterna, avverto questo leggero dolore muscolare forse tendineo. Devo continuare ad allenarmi e a tal proposito volevo sapere se il
Dolaren 250 gel potrebbe essere efficace da un punto di vista curativo. Grazie
Risposta: gentile sig Claudio penso anch'io che si tratti dell'infiammazione del tendine del capo lungo del muscolo bicipite brachiale, io uso spesso anche il kinesio taping o taping neuro muscolare e sopra applico il gel dolaren, il kinesio serve a far lavorare meno il muscolo e di conseguenza a sfiammare prima il tendine a lui collegato, il dolaren è un'ottimo sfiammante e decontratturante muscolare, in alternativa, può usare questo gel anche sotto ultrasuono, mischiando tre parti di dolaren ad una di gel per ultrasuoni. chiaramente, dovrebbe cercare nel limiti del possibile di non esagerare con gli sforzi. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 412
Domanda: Gent. mo dottor Castelli sono il ragazzo affetto da fascite della domanda 410. Volevo comunicarle che, ovviamente ho fatto le analisi del caso come lastra (a febbraio 2013), che ha escluso eventuali spine e ecografia (ad agosto 2013) il cui referto è il seguente: esiti di fascite plantare in fase di risoluzione con entesopatia inserzionale calcaneare; nella norma il tendine calcaneare; non evidenti altearzioni ecostrutturali della tibio tarsica sotto astragalica. Per quanto riguarda le scarpe attualmente indosso delle A3 giornalmente (pur non facendo più sport oramai) per evitare stress alle caviglie. A breve tornerò a fare un'altra eco per verificare se ci sono stati cambiamenti rispetto a quella effettuata ad agosto. Stavo inoltre prendendo in considerazione l'eventualità di fare una visita baropodometrica completa con analisi statica e dinamica del passo più spinometria e eventualmente fare plantari su misura. La ringrazio anticipatamente degli ulteriori consigli che vorrà darmi. Cordiali saluti.
Risposta: faccia attenzione perché l'entesopatia inserzionale calcaneare è lo stadio che precede la spina calcaneare che in medicina è chiamata entesopatia calcifica, non usi la tecar o meglio diatermia da contatto, ma l'ultrasuono con sotto il dolaren al posto del gel per ultrasuoni e magari si faccia mettere il kinesio taping per la fascite, l'esame baropodometrico statico e dinamico lo può fare benissimo anche se ora i risultati potrebbero essere falsati da questo dolore. La diatermia da contatto potrebbe essere rischiosa perché muovendo le cariche elettriche potrebbe portare ad un accumulo di sali di calcio sul tendine. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 413
Domanda: Salve, nel mese di ottobre ho fatto delle analisi del sangue riscontrando dei valori anomali per quanto riguarda:
Globuli Bianchi 4, 58 (4, 8 - 10, 8)
Eosinofili 7, 0 (0 - 7)
Bilirubina Totale 1, 08 (0, 2 - 0, 8)
Bilirubina Diretta 0, 38 (0, 10 - 0, 25)
Albumina 66, 8 (55, 8 - 66, 1)
Globuline Gamma 9, 4 (11, 1 - 18, 8)
IgA 60 (70 - 400)

Per 3 mesi ho assunto costantemente 1 volta al giorno l'integratore alimentare NeoVaxitiol. All'inizio di febbraio sono andato a ripetere l'esame del solo esame Immunoglobuline IgA. Il valore di questo esame è risultato pari a
76 (70 - 400). A tal proposito, avrei voluto conoscere quale sarebbe stata l'eventuale gravità della mia situazione dati i miei valori inizialmente sopra citati e se per di più sarei guarito del tutto. Se non le chiedo troppo, vorrei gentilmente sapere quali sono i cibi da mangiare e quelli da evitare. Grazie e Cordiali Saluti
Risposta: Egregio Signore la lieve alterazione dei valori delle IgA riscontrati neille sue prime analisi non le avrebbero assolutamente portato conseguenze! Consideri che le IgA sono degli anticorpi e che gli anticorpi subiscono delle oscillazioni in rapporto alla presenza o meno di sostanze estranee ( virus, batteri etc. ) ! Particolari alimenti in grado di far aumentare le IgA non ce ne sono. Quelli che possono dare un certo risultato sono gli integratori come quelli da lei usati! Saluti (Dott. Carlo Rinaldi)
ID Quesito:
 414
Domanda: Ho effettuato la rmn del ginicchio a seguito di un infortunio e vorrei un vostro parere. L'esito della rmn dice: modica celluloadiposite prerotulea, aspetto assottigliato del lca compatibile con esiti distrattivi, nella norma lcp e lcm. , ipersensibiltà di segnale in corrispondenza dell'inserzione prossimale del lcl compatidile con fenomeni ad impronta distrattiva, minima quota fluida in sede rotulea ed inrrarticolare
Risposta: gentile sig Emiliano chi ha refertato è rimasto un po sul vago, in parole semplici lei ha il corpo di hoffa, che è un pannicolo adiposo posto tra rotule e base ossea sottostante, un po infiammato; il legamento crociato anteriore èassottigliato è rotto(in medicina la distrazione è uguale alla rottura); il legamento collaterale laterale nella sua parte iniziale, sembrerebbe rotto e poi un po di versamento ma nulla di importante. E' chiaro che con due legamenti rotti il ginocchio è poco stabile, inoltre, l'infiammazione del cuscinetto adiposo sotto rotuleo comporta un fastidio notevole nell'estensione e e flessione dell'articolazione, questo però è superabile facendo un ciclo di antinfiammatori. In questi casi è prevista l'operazione ma molto dipende dalla sua età e se fa attività sportiva, certo il non operarsi può alla lunga portare ad un consumo abnorme delle cartilagini articolari in particolare quella della rotula e del femore ovvero la condropatia femoro-rotulea che è di difficile risoluzione. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 415
Domanda: Salve, come lei già sa, io pratico l'attività sportiva del bodybuilding.
Volevo porle una domanda:
Al mattino posso assumere una compressa da 1 gr. di Vitamina C e una compressa di pari dosaggio di Multivitaminico - Multiminerale? Poiché mangio anche discretamente abbastanza frutta, potrei avere dei problemi in fatto di assumere troppe vitamine? Le faccio sapere però che da quando le sto assumendo inizio ad avere una certa acidità che risale verso l'alto ma non certo al punto di farmi avvertire una nausea da vomito. Potrebbe essere il dosaggio che sto assumendo? In caso lo sia come e quante vitamine posso assumere giornalmente? Grazie veramente e Cordiali Saluti.
Risposta: Gent. mo Sig. Claudio è indubbio che l'assunzione di un eccesso di vit. C può comportare la comparsa dei disturbi gastrici da lei menzionati! Di solito non esiste la possibilità di sovraccarico di vitamine , specialmente per le idrosolubili ( C, B1, B2, B5, B6, PP, B12, Bc, H. ) , in quanto l'eccesso viene eliminato per via renale! Per quanto riguarda le vitamine liposolubili ( A, D, E, K, F) bisogna stare attenti ad una eccessiva introduzione di A e D perché possono provocare vera e propria ipervitaminosi! Diciamo che un soggetto che si alimenta in modo corretto non ha bisogno di introdurre altre vitamine! (Dott. Carlo Rinaldi)
ID Quesito:
 416
Domanda: Salve, sono un ragazzo di 22 anni, le dò qualche dato di me. Sono alto 170cm per un peso di 55kg. Da tempo mi sento, se cosi' posso dire, parzialmente insoddisfatto della mia parte fisica strutturale, o meglio, i bicipiti, pettorale, spalle, e dorsali. Mi sento di essere un pò gracile , quando avevo 12 anni ho praticato 3 anni di nuoto, e poi ho praticato un po' di ginnastica a casa poiche' lo studio mi prendeva tanto tempo, e il piu' delle volte ero costretto ad accantonare l'attività sportiva, ora frequento l'universita' da 2 anni e quindi di tempo non ne ho quasi piu' praticamente, se non per solo studio, e qualche uscita durante il fine-settimana. La mia vita sembra un po' racchiusa in un'ampolla. Sistematicamente Quasi tutti quelli che ho conosciuto, coetanei e non, fisicamente sui 55kg-60kg avevano una resistenza superiore alla mia sia di polso che di avambraccio, perché quando facevamo a braccio di ferro perdevo sempre, e per tanto tempo mi sono visto come un perdente e un debole, eppure in passato non hanno praticato nessuno sport particolare. Il punto è vorrei incrementare forza e resistenza anche solo quando faccio braccio di ferro, un po' come quelli che non accusano alcun dolore, e sembrano roccie umane. Gentilmente le chiedevo, sa da cosa puo' dipendere questo mia carenza? Inoltre, posso in qualche modo incrementarla? se si in che modo? Cordiali Saluti.
Risposta: Gentile Alessandro, io più che risponderle come medico le rispondo come uomo, spesso più della forza fisica conta il carattere di una persona, quello che si ha dentro, dalla sua mail, traspare poca fiducia in se stesso, se lei avesse praticato un'attività sportiva orientale, la prima cosa che gli avrebbero insegnato e l'avere fiducia in se stessi. Non esistono allenamenti per il suo problema è solo un discorso di autostima, non si compatisca, mangi in maniera regolare, faccia attività sportiva all'aria aperta quando lo studio lo permette, e vedrà che se vuole e ci crede, prima o poi riesce a piegare il braccio del suo avversario (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 417
Domanda: salve dr. De Castelli sono un podista di 43 anni e ho corso diverse maratone. . . . a gennaio dopo una maratona ho scelto di riposarmi una settimana, però il mercoledì successivo ho avvertito una fitta al centro della rotula anteriormente, con un piccolo rigonfiamento(tipo cisti) . . . . sono stato dall'ortopedico che mi ha fatto fare rx per scongiurare una borsite calcifica e lesioni alle ossa. . la rx ha dato esito negativo. . niente, quindi sono passato dal fisioterapista che mi dice che ho i muscoli del quadricipite contratti(induriti. . il termine esatto non me lo ricordo)a causa dello stretching che non faccio mai. . . quindi mi ha fatto della tecar e delle manipolazioni-massaggio. . . . . il fatto è che normalmente mi fa meno male, ma quando corro e quindi fletto la gamba sulla coscia ho un vero e proprio chiodo piantato nella padella. . . ho letto che posso mettere del taping al retto femorale per alleggerire il dolore. . . . . . lei cosa i consiglia. . . . . grazie anticipatamente
Risposta: buona sera sig Francesco, capisco molto bene il suo problema essendo anch'io un runner dilettantistico e quindi so bene cosa vuol dire non poter correre in tranquillità, però devo farle presente una cosa, le rx al ginocchio non servono a nulla, come lei saprà, i raggi nascono per osservare le ossa quindi le fratture e nel ginocchio, è molto difficile osservare delle fratture, spesso, specialmente nei podisti, le strutture interessate sono i menischi e i legamenti, quindi il mio consiglio e che lei si prenoti una risonanza magnetica e poi se crede mi posta il referto, ripeto la rx come era prevedibile risulta negativa. Nello specifico la sua potrebbe essere un'infiammazione del tendine rotuleo e forse del corpo adiposo di hoffa, ha provato a fare un ciclo di antinfiammatori? il kinesio può essere utile nell'infiammazione del tendine rotuleo se messo in maniera tale da far lavorare meno il retto femorale, se ha un terapista che li sa mettere lo provi pure ma faccia anche degli antinfiammatori, potrebbe tornarle utile usare anche il gel dolaren 3 volte al dì per 10gg sopra il tendine rotuleo. distinti saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 418
Domanda: Buongiorno dottore. Le chiedo quanto segue relativamente a STRAPPO POLPACCIO avvenuto 32 giorni fa. Ho effettuato la seconda ecografia dopo 30 giorni dall'evento che riporta: postumi di rottura della giunzione miotendine distale gemello mediale 50% fibre con fenomeni cicatriziali (i fenomeni cicatriziali sono iniziati da poco) in sede di lesione. Presente vasto ematoma in via di organizzazione tra gemello e soleo 4cm (erano 4, 6cm 19 giorni fa) trasverso, che si estende 10 cm (15cm 19 giorni fa) spessore 3cm. L'edema sottocutaneo fino alla caviglia di 19 giorni fa non c'è più'. Ancora non cammino e mi avvalgono di stampelle. Accreditati pareri medici mi hanno detto che per un infortunio del genere c'e' sostanzialmente solo da aspettare. Premesso che sto sotto eparina (36 iniezioni in totale clexane 4000), trova utile la applicazione della pomata DOLAREN che mi è stata consigliata da altissimi ambienti sportivi? E che cosa mi consiglia? Quando secondo lei potrò tornare a camminare? Ringrazio e porgo cordiali saluti. Stefano Valeri.
Risposta: Buon giorno sig Valeri, chiariamo subito un'aspetto del problema, io non so chi sono questi luminari che gli hanno detto che l'unica soluzione e aspettare che si rimargini da sola la distrazione muscolare, lo stravaso ematico che consegue alla rottura delle fibre muscolari, se non viene tolto velocemente, precipita la parte corpuscolata, dando forma all'ematoma organizzato o sangue rappreso, questo, se come nel suo caso, rimane intrappolato tra le fibre muscolari, crea grossi problemi alla successiva cicatrizzazione della lesione muscolare, mio consiglio e quanto prima iniziare una terapia con U. S. e dolaren nella porzione di 3 parti di dolaren e 1 di gel per elettromedicali, faccia 15 sedute, una al dì, di questo ultarsuono con sotto il dolaren e a casa applichi 4 volte al giorno il dolaren sulla zona della lesione con lieve massaggio, se inizia a deambulare, l'eparina la può sospendere, è importante per far riassorbire l'ematoma, che lei rinizi ad appoggiare il piede magari aiutandosi con i bastoni canadesi, ma appoggi l'arto e inizi a muoversi, infine mi fa piacere che atleti di buon livello usino il gel dolaren e ne consiglino l'utilizzo, se le consigliano l'utilizzo della diatermia da contatto o tecar, eviti di usarla, nel suo caso accelera la precipitazione dello stravaso ematico e quindi la formazione di un grosse ematoma organizzato. La funzione del dolaren in associazione alle onde sonore dell'U. S. permette la disgregazione dell'ematoma organizzato e il suo riassorbimento questo grazie alla presenza dell'enzima bromelina e dell'ozono medicale all'interno del dolaren. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 419
Domanda: Salve, sapreste gentilmente indicarmi dove è possibile trovare i vostri prodotti a Roma? grazie.
Risposta: Gent. ssima,
La informo che i ns prodotti sono disponibili in tutte le farmacie del territorio italiano. Se necessario può fornire al farmacista i nomi dei grossisti che distribuiscono i ns prodotti: Unico spa, Comifar, Spemital, Omeosalus vet, Farvima, Galenitalia, Farla, Sofarma Morra.
Inoltre, i ns prodotti sono acquistabili dal sito aziendale www. erbagil. com, alla sezione Shop on line .
Cordiali saluti (Erbagil s. r. l. )
ID Quesito:
 420
Domanda: Salve volevo sapere cortesemente se anche l argilla, oltre il vo3dol, e utile per i gonfiori del ginocchio. . . ? grazie in anticipo cordiali saluti
Risposta: Gentile sig Piero, l'impacco di argilla va molto bene per ridurre un versamento, in commercio esiste la polvere di argilla che va allungata un pochino con l'acqua per fare l'impacco o le paste già pronte, in tutti e due i casi si applica uno strato alto un paio di cm e lo si copre con della pellicola in maniera da evitare il contatto con l'aria, va tenuto una notte e al mattino lo toglie. faccia attenzione a non avere delle lesioni perché sulla pelle viva l'argilla brucia. A mio modesto avviso, i nastri del kinesio taping funzionano molto meglio dell'argilla, e se abbina anche il danzen o altri farmaci ad azione antiedemigena, in pochi giorni risolve. (Dr. Roberto De Castelli)

Formula un quesito



Impossibile visualizzare il form per inviare messaggi dal sito web poiché si è scelto di disattivare il Cookie Google reCAPTCHA.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie dalla quale è possibile attivare/disattivare ogni singolo cookie.

News
Distributori
Certificazioni
L'Esperto Risponde
Brevetti
Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico chirurgici, si avvisa l'utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.