L'Esperto Risponde

Quesiti e risposte

ID Quesito:
 331
Domanda: buonasera dottore, circa 20 giorni fà ho avvertito un leggero dolore al bicipite femorale sx, il medico sportivo che mi ha visitato, alla palpazione mi ha diagnosticato uno stiramento quasi inserzionale e mi ha consigliato una serie di tecar terapia, finita la terapia mi sono sottoposto ad una ecografia che non ha evidenziato nulla di patologico, da circa 5 giorni ho iniziato l'attività agonistica (calciatore), inizialmente con una leggera corsetta fino ad oggi di cui ho iniziato a prendere dimestichezza con la palla, però ad un contrasto, ho avvertito un leggero fastidio. Volevo sapere se il dolaren può contribuire a risolvere il problema. La ringrazio.
Risposta: buon giorno Salvatore se è possibile mi posti il referto ecografico così capisco meglio di cosa si tratta, per quanto riguarda il dolaren, sicuramente lo può usare e specialmente se lo usa in abbinamento all'ultrasuono, mischiato ad un po di gel per elettromedicali, per la presenza di ozono medicale e dell'enzima bromelina, che favoriscono la cicatrizzazione delle fibre muscolari, sicuramente otterrà in breve tempo la risoluzione del problema. Io stesso nelle lesioni muscolari lo uso con ottimi risultati; applichi il dolaren mattina e sera con lieve massaggio e faccia almeno 5 sedute di ultrasuono, una al dì con testina mobile con sotto il dolaren. Magari durante la terapia faccia solo la corsa senza forzare i flessori. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 332
Domanda: egregio dott. De Castelli pratico podismo faccio circa 50 km la settimana tra allenamenti e gare . Domenica dopo aver terminato la gara di 10 km ho accusato un dolore sul dorso del piede sinistro subito sopra alle dita dei piedi . P reciso che questo dolore mi era comparso tempo fa ma poi era andato via ed ora mi e' ricomparso. Se ci comprimo sopra sento dolore e anche nel camminare sento dolore, non vi e' gonfiore. Vorrei chiedergli se e' un problema articolare, tendineo o muscolare sto applicando il dolaren tre quattro volte al giorno . La ringrazio per la risposta dottore , vincenzo
Risposta: potrebbe essere una metarsalgia nei runner è abbastanza frequente, per un caso ha cambiato calzatura di recente? corre sull'asfalto? che tipo di calzatura usa A2 o A3 faccia attenzione perché dalla metarsalgia si passa facilmente all'infiammazione dei tendini in particolare all'estensore dell'alluce. Potrebbe provare ad fare delle sedute di ultrasuono ad immersione o del laser. se dopo 5-7 sedute di ultrasuono non vede miglioramenti, forse è il caso di fare almeno una ecografia così vediamo se c'è un problema di infiammazione delle guaine tendinee o se è un problema di condropatia. In entrambi i casi il dolaren va bene. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 333
Domanda: giocando a pallavolo ho iniziato ad avere un dolore al gomito destro. . . il 26 06 2010 rmn gomito destro: minima disomogeneita' inserzionale dei tendini dei muscoli estensori comuni in corrispondenza epicondilo laterale. . . il 23 06 2011 ecografia gomito dx: a carico del compartimento laterale del gomito si segnala la presenza di sottile e minuta calcificazione in corrispondenza del tendine comune degli estensori come per fenomeni di entesopatia. . . 28 02 2013 l'indagine evidenzia una disomogeneita con microprecipitati calcifici a livello dell inserzione epicondilare dei tendini estensori. . . come posso guarire caro dottore? ? ? ? che terapia mi consiglia visto che ho buttato gia molti soldi? ? ? ? dolaren potrebbe aiutarmi e consiglia altro prodotto? ? ? ? grazie moltissime ma sono un po' disperato
Risposta: Filippo io voglio essere estremamente chiaro, tu ti porti dietro questo problema da almeno 3 anni, il nostro organismo è fatto per evitare che la nostra superficialità porti a dei danni seri e come tale si comporta, cioè tende a riparare a modo suo le lesioni, nel tuo caso specifico, tu all'inizio hai avuto una specie di stiramento(disomogeneità)cioè il passaggio dal muscolo al tendine si era un po sfilacciato, continuando a usare il braccio per giocare, hai innescato quel processo riparativo che comporta la sostituzione del tessuto muscolare con tessuto connettivo fibroso e successivamente, poiché il gesto atletico è continuato, dal tessuto fibroso si passa al tessuto osseo che chiaramente è l'ultima spiaggia. Come puoi ben capire se non intervieni chirurgicamente e ripristini la funzionalità del tendine difficilmente riesci a risolvere il problema inoltre, le infiltrazioni di antinfiammatori e anestetici locali accelerano questi fenomeni involutivi. Mio consiglio è sentire uno specialista della spalla e valutare con lui cosa è meglio fare ma non farti bindolare con le varie tecar o altri elettromedicali perché non risolvi nulla e butti via un sacco di soldi (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 334
Domanda: VORREI RINGRAZIARE APERTAMENTE IL DOTT ROBERTO CASTELLI PER LA PROFESSIONALITA' ED ONESTA' CHE RIVOLGE VERSO LE PERSONE. . . . MAGARI CI FOSSERO MEDICI COME LUI. . . .
CONOSCE PER CASO UN BRAVO ED ONESTO SPECIALISTA DELLA SPALLA A ROMA? ? ?
MAGARI QUESTA VOLTA SARO' FORTUNANTO E CON L'OPERAZIONE METTO FINE LA CALVARIO DELL EPICONDILITE
CON AFFETTO STIMA E SIMPATIA
FILIPPO DE FILIPPIS
Risposta: I ringraziamenti sono sempre ben accetti per quanto riguarda un ortopedico specialista nella spalla non penso ci siano problemi a trovarne uno su roma, magari contatta qualcuno che lavora con gli sportivi, pallavolo, pallacanestro okey, rugby, nuoto, tennis ect, questi sono gli sport dove l'articolazione della spalla è molto usata. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 335
Domanda: buonasera dottore, grazie per la risposta (quesito n. 331), come richiesto Le posto il referto dell'ecografia che ho effettuato dopo 5 sedute di tecar terapia esame eseguito con sonda lineare ad alta frequenza. In atto non si rilevano lesioni ecostrutturali a carico dei fasci muscolari della regione posteriore della coscia sinistra. Normale aspetto delle inserzioni miotendinee. Non evidente distensione fluida nelle sedi esaminate . La ringrazio ancora
Risposta: effettivamente dalla eco non si evince nulla, che uno stiramento possa risolversi in così poco tempo mi lascia qualche perplessità, certo le alterazioni miostrutturali a livello inserzionale sono un po più lunghe a guarire, , magari invece della tecar provi a fare 5 sedute di ultrasuono con il dolaren sotto, come le ho detto precedentemente e vediamo se si risolve. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 336
Domanda: buon giorno dottore sono gaetano da trapani le scrivo perché ho dei problemi al ginocchio! quando gioco a calcio sento il ginocchio che mi fa male e mi punge all interno! sarà un problema di mancanza di cartilagine? vorrei provare la dolaren che mi dice? ? attendo sua Risp grazie buona serata. . .
Risposta: gentile sig Gaetano lei mi chiede quasi l'impossibile, l'articolazione femoro-tibio-rotulea è abbastanza complessa quindi per me è difficile darle una mano senza avere un referto diagnostico, lei mi parla di una eventuale condropatia, potrebbe essere quella se ad es sa di avere le cartilagini articolari usurate, ma potrebbe essere anche una meniscopatia, ripeto senza una risonanza o tac è difficile dare dei consigli, per quanto attiene all'uso del nostro dolaren, non ci sono problemi è un'ottimo prodotto con azione sfiammante e decontratturante inoltre contenendo glucosamina, condroitin solfato e ozono medicale, è ottimo anche per salvaguardare le cartilagini articolari, lo applichi due volte al giorno per almeno 30 giorni e vediamo se la sua diagnosi di condropatia è confermata. Chiaro che se il fastidio dovesse continuare è conveniente fare una risonanza. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 337
Domanda: navigando sul web ho per caso scoperto iVs prodotti, mi potete aiutare a far guarire le ulcere varicose alle gambe di mia mamma? Se sì mi dite come fare le meicazioni? Saluto cordialmente.
Risposta: Gent. ssima,
può utilizzare in abbinamento i prodotti Rigenoma crema e spray.
Segua il trattamento per un mese applicando la sera il Rigenoma spray a base di Ozoile (ozono topico stabilizzato in acido oleico con vitamina E acetato) e durante il giorno il Rigenoma crema a base di Ozoile (ozono topico stabilizzato in acido oleico con vitamina E acetato)e fitocomplessi di rizoma di Rusco, Equiseto, Calendula e Ribes nero, nonché Acido Ialuronico, Acido Alfa Lipoico. L'Ozono topico, per mezzo degli Ozonidi e dei Bioperossidi, esplica un' azione battericida, fungicida, virustatica, antinfiammatoria, riepitelizzante e rigenerante nonché di apporto di ossigeno ai tessuti, svolge un ruolo chiave nel metabolismo cellulare e interviene nei processi di ossido-riduzione implementando i meccanismi di difesa; la Vitamina E ha un effetto altamente lenitivo e un'azione antiossidante, favorisce la protezione delle strutture cellulari. . I fitocomplessi di rizoma di Rusco, Equiseto, Calendula e Ribes nero nonché Acido Ialuronico, espletano un'azione antinfiammatoria, lenitiva e di rigenerazione tissutale. Sprayzzi il rigenoma spray direttamente sull'ulcera e applichi il Rigenoma crema sulla cute perilesionale, coperto da garza sterile.
Saluti. (Erbagil s. r. l. )
ID Quesito:
 338
Domanda: salve dottore le scrivo perché vorrei un aiuto o un consiglio sull alimentazione! vorrei fare una dieta x tenermi in forma ma nn ci riesco! siccome lavoro presso l azienda trasporti Tnt penso che la conosce! quindi stando in giro e facendo qualche consegna in qualche bar o supermercati la tentazione mi frega! vorrei un suo aiuto su come fare! cosa mangiare o no! sono alto 1. 83 e peso 87 kg! ho tanto grasso accumulato in pancia! sono disperato! io voglio fare una dieta ma appena vedo certe cose mi passa tutto. . . buona serata dottore e grazie attendo sua risposta
Risposta: egregio Signore il problema che pone è abbastanza comune a tutti quelli come lei che svolgono questa attività lavorativa sedentaria. Diciamo innanzitutto che il peso in eccesso da lei lamentato non è eccessivo anche se andrebbero fatte delle valutazioni con misurazioni particolari quali la plicometria e la misurazione della circonferenza addominale per meglio stabilire l'entità del grasso in eccesso e la sua distribuzione. Il consiglio che le posso dare in linea generale è di fare dei pasti frequenti durante la giornata basandosi su alimenti a scarso contenuto di grassi e carboidrati e con più alto contenuto proteico. Indispensabile inoltre una buona attività fisica da eseguire nei momenti di riposo dal lavoro.
Consideri inoltre che un programma alimentare non può prescindere da una attenta valutazione dei suoi esami di laboratorio per quanto riguarda la funzionalità epato-renale e del suo stato metabolico generale. Saluti (Dott. Carlo Rinaldi)
ID Quesito:
 339
Domanda: Dott. le volevo fare alcune domande. . ho un ernia con espulsione tra l4-ed. l5. . con forte dolore nn riesco a camminare. . cammino a piccoli passi. e nn riesco a stare completamente diritto. al momento uso oki iniete posso da sdraiato tenere il busto. ? Esistono altri rimedi x il dolore? Attendo . . risposta grazie dott.
Risposta: Gentile sig Giovanni, col il ketaprofene e sali di lisina(oki)non combina niente, la terapia per la sciatalgia è antinfiammatorio e miorilassante nella stessa siringa, una iniezione I. M. al giorno per 5 giorni, inoltre è consigliabile l'assunzione della liryca o simili che sono dei farmaci che modulano la trasmissione dell'impulso nervoso ai nervi periferici, lavorando meno questi nervi, si sfiammano prima. sono farmaci sotto prescrizione medica, una volta sfiammato sarebbe opportuno ridurre questa ernia o con l'ozono terapia o attraverso delle manipolazioni fatte da un bravo manipolatore chiropratico . (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 340
Domanda: buonasera Dott. De Castelli, Le avevo già scritto qualche settimana fà riguardo ad un dolore che avevo al bicipite femorale sx (quesito 331 e 335) che ora, grazie anche all'applicazione della pomata DOLAREN è scomparso completamente. Tuttavia da circa una settimana, sempre nella coscia sx, ma al quadricipite femorale, dopo circa un'ora di intenso allenamento incomincio a sentire un fastidio che parte quasi dall'inguine e proseguendo per tutto l'interno della coscia e mi arriva al ginocchio aumentando di intensità, via via, che proseguo gli allenamenti. Tale olore, dopo circa un'ora dalla fine degli allenamenti cessa e non sento più alcun fastidio. Preciso che la mia attività agonistica è quella di calciatore e che mi sono sempre allenato (da almeno 5 anni) in campi di terra o erba, usando le classiche scarpette con i tacchetti, senza mai avere avuto alcun problema muscolare, mentre per la stagione in corso ho cambiato tipologia di gioco passando al calcetto, dove gli allenamenti e le partite vengono effettuate sul parquet. Tali allenamenti hanno avuto inizio dal mese in corso e uso per la corsa le scarpette da ginnastica categoria A3 mentre per le partite uso le scarpette lisce con fondo in caucciù. Ora non so se questi problemi muscolari ricorrenti possono essere dovuti a questo cambiamento oppure dovuti ad altro e volevo un suo consiglio in merito. La ringrazio per la disponibilità.
Risposta: buon giorno Salvatore, quello che probabilmente le è capitato, è l'infiammazione del tendine comune dei flessori che percorre tutta la coscia internamente e finisce con la famosa zampa d'oca a livello di ginocchio interno, è una situazione abbastanza comune quando si hanno problemi ai flessori, applichi il dolaren lungo il percorso di questo tendine che dovrebbe sentire bene con le dita, ed eventualmente faccia qualche seduta con l'ultrasuono e sotto il dolaren mischiato al gel per elettromedicali. Durante la terapia eviti ripetute, balzi ma si limiti alla corsa di riscaldamento, mi facia sapere, saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 341
Domanda: Buona Sera dott. e mi scusi del disturbo. Pratico podismo amatoriale e da qualche giorno mi sono fermato perché diagnosticata un'inizio di artrosi al ginocchio con versamento. Avendo la rima articolare intatta, volevo chiederle se è questo il parametro per poter effettuare infiltrazioni di gel piastrinico. Glie lo chiedo perché conosco persone che hanno ottenuto risultati ottimi. Inoltre se può indicarmi qualche centro specializzato. Sono originario delle Marche ma non ho problemi a spostarmi. Grazie 1000 Roberto L.
Risposta: buon giorno sig Roberto, intanto mi servirebbe il referto della risonanza per poter valutare meglio la situazione perché, è una contraddizione medica dire artrosi al ginocchio con rima articolare intatta, la calcificazioni partono proprio dalla zona perimetrale cioè dalla rima articolare, se lei prende una radiografia, vede che proprio dov'è la rima si nota la presenza di osteofiti. Forse la sua è un'inizio di condroptia femoro-rotulea, malanno assai comune nei runners, ripeto, aspetto un referto per capire meglio di cosa si parla, ma direi che nel suo caso la terapia con il gel piastrinico mi sembra eccessiva, ha provato delle normali infiltrazioni con acido jaluronico ad alto peso molecolare? mi faccia sapere. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 342
Domanda: Grazie dott. , provoallora a leggerle il referto della rsm. Come diceva, trattasi condropatia femoro-rotulea con sofferenza dell'osso sub-condrale e rotula che si presenta con atteggiamento di iperpressione esterna + ipertrofia reattiva del corpo di hoffa; però leggo dalla rx che è mantenuta intatta la rima articolare anche se lei mi faceva presente che và in contrasto. L'unico fastidio oltre al versamento gonfiore che si è esteso al polpaccio e caviglia è qualche piccola scossa all'altezza della rotula. Mi sono permesso di parlarle di gel piastrinico perché francamente con tutta sincerità sono impaurito. qualora ci fosse un principio di artrosi (la rsm non ne parla) potrebbe la cosa cambiare? La ringrazio per la consulenza che vorrà darmi. Roberto L.
Risposta: Gentile sig Robberto, come avrà notato anche lei non si parla di artrosi, che è una cosa assai più grave ma solo di condropatia femore-rotulea, causata probabilmente dalla rotula ballerina ovvero, si sposta lateralmente quando lei contrae il muscolo quadricipite, e anche l'infiammazione del corpo di hoffa, è una conseguenza di questa sublussazione rotulea. Io, le consiglio di fare: 7 giorni di danzen due psticche al mattino e due alla sera, il danzen è un farmaco per automedicazione a base di serratio peptidasi che è un'enzima che si ritrova nel baco da seta, con una buona azione antiedemigena e antinfiammatoria, una volta che l'edema si è ridotto, si faccia applicare il kinesio taping per la sub lussazione laterale rotulea e usi questo bendaggio dinamico quando va a correre, inoltre, applichi mattina e sera per 30 giorni il gel dolaren che , contenendo glucosamina, condroitin solfato e ozono medicale, molecole che proteggono le cartilagini articolari, evita che la sua condropatia proceda ulteriormente, ha fine allenamento applichi il ghiaccio per sfiammare la cartilagine. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 343
Domanda: Buona sera, ad un mio collega di lavoro e' stato consigliato RIGENERV , in farmacia mi hanno detto che non esiste più in commercio. E' vero ? E' possibile recuperarne una confezione, oppure indicarmi un gel con le stesse caratteristiche ? La ringrazio di cuore.
Risposta: Gent. ssima,
il prodotto Rigenerv è stato ceduto all'industria farmaceutica Benedetti & Co Biosolutins spa che commercializza il prodotto con il brand Fisionerv.
Il prodotto è acquistabile presso tutte le farmacie d'Italia. (Erbagil s. r. l. )
ID Quesito:
 344
Domanda: dottore castelli sono gaetano soffro anche di cervicali mi può dare un consiglio x alleviare il dolore? ce qualche esercizio o qualche pomata da assumere? va bene anche un olio di quelli che riscaldano i muscoli? grazie dottore
Risposta: gentile sig Gaetano le cervicalgie le possiamo dividere in due grossi rami quelle di origine muscolo tensiva causate da una postura scorretta, che può dipendere anche da un problema di tipo odontoiatrico, e quelle invece che hanno origine da un'ernia cervicale. Nel suo caso, spero si tratti di cervicalgia muscolo tensiva e quindi può essere sufficiente l'applicazione del gel dolaren 3 volte al dì per 7 giorni, eviti di incassare il collo nelle spalle e, se lavora tanto al pc, trovi il modo si appoggiare il polso sull'apposito cuscinetto. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 345
Domanda: buona sera dottore castelli sono gaetano il dolaren che mi ha consigliato x le ginocchia sta facendo il suo effetto! nn sento più dolore alle ginocchia, xò volevo anche dirle ma un applicazione continua del dolaren farebbe male? oppure dovrei fare quindici giorni di applicazione e poi quindici di non? ! siccome con il lavoro che svolgo e tra lo sport che svolgo le ginocchia sono sotto sforzo! che dice lei? grazie dottore!
Risposta: gentile Gaetano, io stesso ho in cura da mesi alcuni persone che usano giornalmente il dolaren per delle condropatie senza aver riscontrato nessun effetto collaterale, non contenendo farmaci, difficilmente si hanno problemi anche se usato per lungo tempo. saluti (Dr. Roberto De Castelli)

Formula un quesito



Impossibile visualizzare il form per inviare messaggi dal sito web poiché si è scelto di disattivare il Cookie Google reCAPTCHA.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie dalla quale è possibile attivare/disattivare ogni singolo cookie.

News
Distributori
Certificazioni
L'Esperto Risponde
Brevetti
Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico chirurgici, si avvisa l'utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.