L'Esperto Risponde

Quesiti e risposte

ID Quesito:
 226
Domanda: Gentile Dott De Castelli ma il dolore all'inguine può anche essere causato da una differenza di tono muscolare tra l'arto operato e quello sano ? ? ?
Risposta: sicuramente, è importante che lei potenzi bene il quadricipite della gamba operata , noi siamo fatti di due metà speculari se lei da una parte è deficitario carica il peso male e si disassa tutto e i muscoli adduttori e abduttori originandosi dal bacino ne risentono subito. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 227
Domanda: Gentile Dott. De Castelli, con la presente le voglio riportare la mia esperienza per chiederle qualche consiglio:
Nell ottobre 2009, a seguito d'infortunio sportivo, mi è stato ricostruito il LCA (menischi ok) con tecnica gracile e semitendinoso, immediatamente dopo la prima fase della riabilitazione, al ginocchio dx in questione ho riscontrato sin da subito un dolore interno poco sotto il ginocchio in posizione laterale posteriore, dolore che sino ad oggi non mi ha mai permesso la completa flessione causa dolore, soprattutto quando provavo a sedermi sulle gambe, come una sensazione di compressione che non riuscivo a sopportare per più di qualche secondo, a parte questo a distanza di un paio di mesi il dolore è sparito permettendomi regolare deambulazione e corsa, mentre per la flessione no. Le faccio presente inoltre che dal giorno dell operazione il mio ginocchio ha sempre e tutt ora presenta una leggera instabilità laterale sia verso dx che sx il tutto senza creare problemi durante la deambulazione e l attività sportiva. Risonanze successive non hanno presentato anomalie ai collaterali.
Da quasi 2 anni ho ripreso l attività sportiva agonistica a buoni livelli (calcio) e una settimana fa durante un incontro a seguito di anomalo movimento il ginocchio operato ha eseguito un movimento verso l interno con conseguente forte CRACK, successivamente non ho sentito nessun dolore che mi faccia evocare brutti ricordi, solo una forte fitta di dolore quando andavo a simulare il movimento citato. Durante la giornata nessun dolore, il giorno successivo ginocchio stragonfio con conseguente liquido e dolore dovuto, penso, al liquido presente. A distanza di una settimana il ginocchio è sicuramente più asciutto ma con ancora un po' di liquido al suo interno, purtroppo pero riaccuso quel famoso dolore che provavo nel post operazione, che tra l altro coincide con il punto Dell attuale distorsione subita. Sono stato da un ortopedico che ha escluso, in base a movimenti di rito, lesioni ai legamenti e menischi. Attualmente il ginocchio presenta ancora un po' di versamento e durante la deambulazione accuso dolore al suo interno e a volte una sensazione come se fosse insaccato con dolore che scende verso il basso, poi in base ai movimenti passa, a parte questo il ginocchio lo muovo benissimo anche se scricchiola in maniera evidente. . . secondo lei, tutto questo può essere dovuto alla presenza del versamento? se si, considerando che devo guarire in fretta per eliminare questo liquido e riprendere la completa funzionalità del ginocchio e stabilità il GEL DOLAREN fa al mio caso?
Inoltre anche se so che per lei è impossibile trarre conclusioni, le volevo chiedere cosa ne pensa di quella leggera instabilità laterale e consigli riguardo il mio problema sotto dietro il ginocchio e se la tecarterapia può accelerare la scomparsa una volta per tutte di questo fastidioso dolore e magari tornare a flettere senza dover rinunciare a quei pochi gradi che separano la totale flessione senza provare dolore.
Mi scuso se mi sono dilungato così tanto e spero di averla fatta capire qualcosa.
La ringrazio in ogni caso del attenzione le auguro buona giornata.
Carlo
Risposta: mi scusi per il ritardo nella risposta, la domanda è un po complessa bisognerebbe almeno poter leggere il referto della risonanza ultima per capirci qualcosa e poterla consigliare, l'ultimo fatto traumatico penso che sia il famoso mi si è girato il ginocchio ovvero quando la rotula esce momentaneamente dalla troclea femorale è una forma di sublussazione che nel suo caso ci può stare visto anche questa lassità legamentosa, se è un fatto sporadico io non mi starei a preoccupare. mentre la questione del dolore alla flessione dell'articolazione, andrebbe indagata meglio perché normalmente questo tipo di sintomatologia è riferibile ad una meniscopatia e con molta sincerità una visita ortopedica anche se molto accurata difficilmente può mettere in evidenza una lesione meniscale specialmente se è al corno posteriore mentre, sicuramente può valutare l'integrità dei legamenti collaterali e del pivot centrale. Per quanto riguarda la presenza di liquido nel ginocchio è normale che vi sia dopo un fatto traumatico se non ha dolore e quindi può camminare normalmente, il liquido piano piano si riassorbe senza problemi, il dolore iniziale sicuramente è dovuto al liquido che premendo sui pressocettori, terminazioni nervose, scatena la reazione dolorosa però io non vorrei che lo scricchiolio che lei sente , fosse dovuto allo sfregamento dei monconi ossei il che vorrebbe dire che vi è una condropatia in atto e questo spiegherebbe il dolore. ma ripeto, senza una risonanza è molto difficile sapere cosa è successo. rimango a disposizione se farà una risonanza mi posti il referto e lo leggiamo insieme. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 228
Domanda: buongiorno Dott. ssa Carlomagno, ho la pelle della faccia, sopratutto nella fronte e intorno al naso sempre screpolata ed arrossata a causa di una fastidiosa dermatite seborroica. Volevo sapere se la crema rigenoma può essermi di aiuto e se esiste qualche detergente non aggressivo per lavarsi. Grazie
Risposta: Buongiorno, la crema Rigenoma grazie alla sua azione lenitiva ed antinfiammatoria può esserle d'ausilio contro la dermatite seborroica, ma come saprà certamente si tratta di una condizione ad andamento cronico-recidivante, pertanto le consiglio di utilizzare il prodotto durante tutto il periodo invernale per evitare recidive. Per lavare il viso può utilizzare un detergente delicato a base di acqua termale. (Dott. ssa Valentina Carlomagno)
ID Quesito:
 229
Domanda: Le scrivo perché dopo aver visionato il sito, vorrei sapere se i vostri prodotti per la pelle potrebbero dare beneficio al mio problema che è un lichen simplex cronico alla sacca scrotale. Il mio sintomo che non riesco a debellare nonstante le molte creme provate è il prurito che si manifesta la notte. Grazie per l'attenzione. Cordiali Saluti.
Risposta: Buonasera, il prodotto Rigenoma grazie ai suoi componenti svolge un'azione antinfiammatoria, idratante e lenitiva, ciò potrebbe aiutarla a contrastare il sintomo del prurito notturno. Chiaramente quando l'area cutanea coinvolta è ormai lichenificata non sempre si raggiungono i risultati sperati, soprattutto non in breve tempo.
Cordiali saluti. (Dott. ssa Valentina Carlomagno)
ID Quesito:
 230
Domanda: salve, con molta probabilità mi è venuto il gomito del tennista. non riesco a stendere completamente il braccio , mi punge brucia la parte esterna del gomito. ho visto che Dolaren è la pomata giusta. volevo un consiglio a riguardo
Risposta: gentile sig Francesco il nostro dolaren è molto indicato, lo applichi mattina e sera per 10 giorni, se ha la possibilità faccia anche 5 sedute di ultrasuono con testina mobile e sotto al posto del gel per elettromedicali usi il dolaren mischiato con un po di gel, in questo modo abbiniamo all'azione sfiammante del dolaren anche quella delle onde sonore dell'elettromedicale. in alternativa potrebbe usare il kinesio taping applicato per l'epicondilite e sopra al cerotto mettere il dolaren perché il kinesio essendo poroso, fan si che il dolaren venga assorbito piano piano. Infine può essere utile associare a queste terapie locali l'assunzione di antiedemigeni quali il danzen, fortilase o ananase per 5 giorni; è inutile sottolineare che per un po di tempo dovrebbe evitare di usare il braccio in oggetto per fare sforzi. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 231
Domanda: BUONGIORNO,
sono un 48enne dedito a sport non troppo competitivo ( Triathlon, Running ) Da tempo ho un grande fastidio al piede ed in particolare alla pianta ed ai lati, che si manifesta improvvisamente e per pochi minuti. In quei momenti zoppico e appaggio l'estremità con dolore. Cosa posso usare ? Il Doloren ( EX Vol3dol ) ?
Grazie
Risposta: sig Ferdinando se il fastidio le dura solo pochi minuti è difficile da diagnosticare, pensavo ad una fascite plantare che spesso affligge i podisti ma nel suo caso lo escluderei, ma questo fastidio lo avverte solo durante la corsa o anche durante il giorno? il nostro dolaren è un buon prodotto con azione sfiammante e decontratturante sicuramente potrebbe trarne beneficio le ricordo anche che è un gel che si può applicare anche sotto ultrasuono con testina mobile, in questa maniera ha un doppio effetto cioè all'azione del dolaren si associa quella delle onde sonore dell'elettromedicale. come crema la applichi 3 volte al dì è molto concentrata ne basta poca alla volta con lieve massaggio, rimango a disposizione per ulteriori consigli. (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 232
Domanda: Pratico corsa a livello amatoriale, attualmente faccio circa 40-45 Km settimana. Ho subito un intervento in artoscopia al menisco al gn. sn. circa un anno fa. Tutto ok.
Il quesito è questo: dopo circa 10-15 minuti che finisco a correre sento un leggero dolore bruciore al ginocchio operato dopo mi passa e se faccio un pò di piegamenti e stiramente il recupero è un più veloce, perciò chiedo quale è il momento migliore per applicare il Vs prodotto prima della corsa, durante l'allenamento o dopo?
Grazie angelo
Risposta: buon giorno sig Angelo per poterle dare una risposta adeguata dovrei chiederle due info, la prima se il menisco è stato tolto o ricucito il pezzo lesionato, la seconda e quanto corre ogni seduta di allenamento, se come presumo corre a giorni alterni penso che faccia sedute da circa 15km e quindi immagino che corra circa 1h-1h. 15'. Ad ogni modo io le consiglio di applicarlo circa 20' prima di correre e dopo che ha fatto la doccia, il gel dolaren è molto concentrato quindi ne deve usare poco alla volta e provi a farlo per 15 giorni le ricordo anche che il dolaren contiene la glucosamina e il condroitin solfato che sono delle sostanza che aiutano a mantenere in buone condizioni le cartilagini articolari. distinti saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 233
Domanda: gentile dott de castelli ho consumato quasi tt il vostro prodotto (dolaren) ma il dolore all'inguine nn è passato . . ho fatto anke come m i avevate consigliato di mettere una borsa di acqua calda sopra ma nnt . . il dolore c'è sempre
Risposta: buon giorno sig Paolo ma lei nel frattempo ha prenotato un'ecografia o no? ricordo che già tempo fa se ne era parlato, e chiaro che se dopo aver fatto la diatermia da contatto(tecar) e altri elettromedicali non ha risolto forse sarebbe il caso di verificare attraverso una eco cosa è successo perché se no difficilmente riusciamo a fare una diagnosi corretta ed una altrettanto terapia mirata. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 234
Domanda: Nel luglio 2012 sono caduta ed ho riportato lussazione del piede sinistro con forte dolore e gonfiore senza frattura né del piede né del ginocchio. Sono stata ingessata 15 giorni dal piede fino al ginocchio. Da quando mi è stato tolto il gesso ho però dolore al ginocchio sinistro e un modesto gonfiore a livello del menisco. Ho usato diverse pomate a base di arnica e ho preso ananase senza risultato. Cosa posso fare?
Risposta: gentile signora Maria io non sono d'accordo nel mettere il gesso sulle lussazionni o sublussazioni perché l'esito è questo; il gesso ostacola la circolazione e quando ci sono dei traumi articolari, si forma sempre uno stravaso se questo invece di essere velocemente riassorbito viene bloccato dal gesso, piano piano precipita e si formano dei piccoli coaguli di fibrina che se rimangono all'interno dell'articolazione o all'interno delle fibre muscolari, creano dolore e fastidio. Nel suo caso specifico poiché mi parla di gonfiore a livello di menisco , le chiedo se ha fatto una risonanza se no da che cosa lo deduce questo modesto gonfiore? nel caso avesse il referto della risonanza le chiedo gentilmente di postarlo così lo leggo e cerco di darle un consiglio più mirato. Il nostro gel dolaren lo può usare benissimo perché oltre a contenere l'arnica contiene anche il ribes nero e l'artiglio del diavolo oltre all'ozono medicale e all'enzima bromelina ma quello che è importante nei casi come il suo, è la presenza di condroitin solfato e glucosamina sostanze importanti per il buon funzionamento e trofismo dei condrociti ovvero le cellule della cartilagine articolare. Non vorrei che ci fosse un inizio di condropatia oppure un edema della spongiosa che altro non è che un livido dell'osso. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 235
Domanda: Dott De Castelli io l'ecografia già la feci 5 mesi fa ma nn è uscito nnt di ke. . . xke all'inizio pensavo ke fosse un' ernia. . forse bisogna fare qualke altro esame per vedere un po' meglio cosa c'è ke nn va. . . lei cosa mi consiglia di fare ? ? ?
Risposta: gentile sig Paolo ma il referto dell'ecografia me lo ha postato? rispondo a molti utenti e quindi potrebbe essermi sfuggito le chiedo gentilmente di postarmelo e guardo se c'è qualcosa che non torna, un'ernia dell'omento si sentirebbe bene. aspetto il referto, distinti saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 236
Domanda: Gentile dott de castelli ecco il referto dell'ecografia inguinale bilaterale.
porta erniaria al terzo superiore del canale inguinale di destra.
nn evidenza di definite immagini da riferire ad ernia.
in cavo inguinale di destra si apprezza formazione linfonodale di morfologia ovalare del maggior asse di 20 mm.
Dottore preciso che il dolore ce l'ho all'inguine sinistro fino alla parte finale degli addominali bassi.
Risposta: grazie sig Paolo per avermi postato il referto mi pare evidente che dal referto non possiamo ricavare nessuna info utile oltre al fatto che lei lamenta il fastidio all'inguine sinistro e qui quel poco che si dice riguarda l'inguine destro. Io onestamente però inizio a pensare che sia un problema interno e che poco abbia a che fare con la muscolatura, perché anche una pubalgia solitamente interessa i retti addominali e gli adduttori da un punto di vista muscolare a livello di piega inguinale non c'è molto qui si sta parlando di muscolatura pelvica o al limite di problematiche legate al canale inguinale come nel varicocele, non penso sia un problema fisioterapico. Ammetto che non saprei come aiutarla ulteriormente. saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 237
Domanda: dottore de castelli grazie delle risposte ke mi ha dato. . . lei cosa mi consiglia di fare arrivati a questo punto. . . quale altro esame potrebbe essermi utile? ? ?
Risposta: mi scusi le faccio qualche domanda per capire meglio e per poterle meglio indicare cosa fare; se lei preme a livello di piega inguinale , avverte dolore? se lei divarica le gambe e quindi mette in tensione gli adduttori avverte dolore? ha mai avuto problemi di sciatalgia? quando fa gli addominali ha dolore? se tosse avverte dolore? attendo le sue risposte saluti (Dr. Roberto De Castelli)
ID Quesito:
 238
Domanda: Buongiorno, volevo sapere le principali differenze fra Rigenoma spray e crema, sopratutto quale delle due e più indicato per i piccoli inestetismi del viso (piccole cicatrici da acne, colorito non uniforme).
Inoltre sapete indicarmi le farmacie dove vendono i vosti prodotti a Cagliari ed hinterland. Grazie
Risposta: Gentile Utente,
Rigenoma spray è costituito quasi esclusivamente da olio d'oliva ozonizzato e funge da terapia d'urto immediata nel trattamento di cute e mucose in caso di infiammazione, rigenerazione, affezioni da batteri, virus, funghi. Rigenoma crema, che le consiglio nel suo caso, oltre a contenere olio di oliva ozonizzato contiene fitoestratti che potenziano l'attività antinfiammatoria, lenitiva e vasoprotettrice e soprattutto acido Ialuronico, un ottimo idratante e rimpolpante della cute che ne favorisce la rigenerazione. Se desidera acquistare i nostri prodotti può farlo utilizzando la sezione negozio on line del sito, oppure può recarsi presso qualsiasi farmacia che lo ordinerà, riferendo al farmacista che il grossista di riferimento al quale deve rivolgersi è Difarma. Cari saluti
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)
ID Quesito:
 239
Domanda: CALAZI RECIDIVANTI IN BAMBINO DI 5 MESI volevo sapere se rigemoma spray puo' essere adatto anche nei neonati. al mio bambino il primo calazio è comparso nel 1°mese di vita e dal terzo mese si è riempito 6 a dx 4 nell'occhio sx. E' un mostro. da 2 mesi lo stiamo curando con antibiotico per bocca e varie creme locali. INUTILE DIRE LA MIA DISPERAZIONE DA MAMMA. potete aiutarmi grazie
Risposta: Gentile signora,
Rigenoma spray è un ottimo prodotto per la pediatria perché è naturale e non dà controindicazioni. Provi ad applicare il prodotto sui vari calazio facendo però attenzione ad evitare il contatto diretto con gli occhi e per fare questo utilizzi bastoncini cotonati imbevuti di olio con i quali tamponare delicatamente a livello dei calazio. Resto in attesa di notizie e comunque a sua disposizione per qualsiasi informazione. cari saluti
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. Antonio D'Ambrosio)
ID Quesito:
 240
Domanda: Tra i prodotti della Erbagil c'è qualcosa che potrebbe aiutarmi nella parodontosi'
Ringrazio e saluto
Silvana
Risposta: Gentile Utente,
attualmente sul mercato la Erbagil non ha ancora immesso un prodotto per la cura della parodontosi, patologia sulla quale abbiamo e stiamo lavorando. Quello che le posso consigliare ad ora è Otorig gocce perché è dotato di un dosatore instillatore che facilita l'applicazione sulle gengive e sul lembo parodontale. La sua formulazione è perfetta anche per il trattamento della parodontosi perché il prodotto è a base di olio ozonizzato dalle proprietè antinfiammatorie ed antibatteriche potenziato con la vitamina nel trattamento dell'infiammazione e con Tea tree oil per le affezioni batteriche e micotiche.
Cari saluti
Dr. ssa Gilda Benevento (Dott. ssa Gilda Benevento)

Formula un quesito



Impossibile visualizzare il form per inviare messaggi dal sito web poiché si è scelto di disattivare il Cookie Google reCAPTCHA.

Per maggiori informazioni, visitate la pagina dell'informativa estesa sull'utilizzo dei cookie dalla quale è possibile attivare/disattivare ogni singolo cookie.

News
Distributori
Certificazioni
L'Esperto Risponde
Brevetti
Ai sensi delle Nuove Linee guida del Ministero della Salute del 28/03/2013, relative alla pubblicità sanitaria concernente i dispositivi medici, dispositivi medico-diagnostici in vitro e presidi medico chirurgici, si avvisa l'utente che le informazioni ivi contenute sono esclusivamente rivolte agli operatori professionali.